F1 | Vettel, parole toccanti per Enzo Ferrari: “Il suo spirito è a Maranello, avrei voluto conoscerlo”

Il tedesco: "È un privilegio per me essere un pilota della Scuderia. Il Cavallino è diverso da ogni altro team"

F1 | Vettel, parole toccanti per Enzo Ferrari: “Il suo spirito è a Maranello, avrei voluto conoscerlo”

Attraverso una lunga lettera pubblicata sul sito de La Stampa, Sebastian Vettel ha voluto commemorare Enzo Ferrari, fondatore dell’omonima scuderia di Formula 1, deceduto il 14 agosto 1988. Queste le toccanti parole spese dal quattro volte campione del mondo tedesco in occasione del 30° anniversario della morte del “Drake”.

“Dal primo giorno in cui sono entrato in Ferrari, alla fine del 2014, ho sentito che lo spirito del fondatore, lo spirito di Enzo Ferrari, era presente ovunque a Maranello. Io sono nato nel 1987, solo un anno prima della morte di Ferrari, per cui naturalmente non ho mai potuto conoscerlo di persona, e oggi posso solo immaginare come sarebbe stato il nostro incontro. Ma so che avrei davvero voluto conoscerlo, perché secondo me era una persona speciale, un uomo con una visione: e questa visione è ancora presente oggi nell’azienda e nella Scuderia che lui ha fondato”.

“La gente che lavora qui, indipendentemente dal ruolo che svolge, sente questa presenza e lavora con più passione. È questo che rende speciale guidare per la Ferrari, che rende il Cavallino diverso da ogni altro team: la Ferrari è un mito per tutti, per me lo è stato da quando giocavo da bambino, e la macchinina rossa era sempre la mia preferita; o più avanti nel tempo, quando seguivo le gare di Schumacher con la Rossa. La Ferrari è un mito, e i volanti Ferrari in Formula 1 sono solo due, per cui considero un privilegio e un onore essere un pilota titolare della Scuderia”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati