F1 – Ufficiale: dal GP di Cina si torna al format qualifiche del 2015

Raggiunto l'accordo tra scuderie, FIA e FOM per tornare alle vecchie qualifiche

F1 – Ufficiale: dal GP di Cina si torna al format qualifiche del 2015

La lettera congiunta firmata dalle squadre sembra aver sortito gli effetti sperati; la FIA e la FOM hanno deciso che era inutile insistere sulla via della prepotenza – imponendo qualifiche invise a piloti, team e pubblico – decidento dopo una giornata di discussioni con le squadre di tornare già dal GP di Cina al format di qualifiche classico diviso in Q3, Q3 e Q1, ovvero quello in vigore fino a quest’anno.

Si torna, definitivamente, alle qualifiche del 2015, come auspicato dalle squadre che avevano preso negli ultimi giorni una posizione netta nei confronti della Federazione e di Bernie Ecclestone. Bocciata l’ultima idea della qualifica con somma dei tempi, a FIA e FOM non è rimasta altra scelta se non quella di prendere atto della volontà dei protagonisti dello show, evitando così di forzare ulteriormente la mano in un momento già molto delicato per la governance della F1.

Adesso inizierà l’iter legislativo con le votazioni prima nello Strategy Group e poi in F1 Commission, alle quali seguira la ratifica del Consiglio Mondiale Sportivo della FIA. Il procedimento andrà avanti spedito, in modo che tutto sia risolto per il prossimo GP della Cina a Shanghai, con gli spettatori che non dovranno più sorbirsi le qualifiche shoot-out innaturali e forzatamente tattiche.

Antonino Rendina


Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

7 commenti
  1. pirotab

    7 Aprile 2016 at 18:41

    Come AUSPICATO dalle squadre…

  2. _frank_

    7 Aprile 2016 at 20:07

    Vedi articolo del 3 aprile

    “La proposta dei team di tornare al format in uso fino allo scorso anno è stata rifiutata dalla FIA e da Bernie Ecclestone”

    Bella zio… prendi ‘sta cinquina e porta a casa

  3. Paolo75

    7 Aprile 2016 at 20:56

    Il buon vecchio Bernie non sa piu’ come fare soldi ma stavolta gli e’ andata male deve capire che tanti tifosi non seguono piu’ la F1 come una volta per tutte queste nuove regole non si capisce piu’ nulla…..speriamo bene

  4. Gian67

    7 Aprile 2016 at 22:43

    Oooooo finalmente anno capito che tutte quelle cavolate della somma dei tempi ecc ecc sono come dicono le iene una grande cazzata !!!!!!

  5. Ceppa

    8 Aprile 2016 at 00:52

    Leggete bene…. Ora inizierà il processo legislativo…..bla bla bla… Quindi, di sicuro e certo non esiste ancora nulla. Un media professionale come questo non DOVREBBE utilizzare titoli FALSI COME QUELLO USATO per attirare l’attenzione su articoli come questo.

    • Mr.G

      10 Aprile 2016 at 08:11

      Prima di tutto la richiamo ad un utilizzo più consono della scrittura; è infatti noto a tutti che l’utilizzo delle maiuscole equivale ad urlare.

      Secondo, mi sembra abbia frainteso l’articolo. La decisione è già stata presa e va solo ratificata. Certo, in linea puramente teorica, qualche soggetto potrebbe ricredersi ma anche in questo caso, io non additerei come responsabile l’autore dell’articolo.
      Cordiali Saluti

  6. Ceppa

    11 Aprile 2016 at 16:53

    Chiedo scusa. Non sapevo delle maiuscole. Seconda cosa, sono stato troppo irruento. Focalizzo il fatto che già si era scritto della decisione confermata del cambio di format per poi aver visto tutto il contrario. Sicuramente il titolo non può confermare, al momento della sua uscita, quello che ancora in sede legale del gruppo F1 deve ancora essere deciso e confermato con le ultime ma decisive firme.
    Cordiali saluti.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati