F1 | Todt sulle critiche al calendario esteso: “Fortunati a lavorare in questo mondo”

"Le critiche? Chi lavora in Formula 1 è un privilegiato", ha affermato il Presidente della FIA

Todt ha difeso la possibilità di ampliare il calendario a venticinque appuntamenti
F1 | Todt sulle critiche al calendario esteso: “Fortunati a lavorare in questo mondo”

Jean Todt ha rispedito al mittente le critiche delle squadre in merito a un possibile calendario composto da venticinque appuntamenti, sottolineando come le persone che svolgono un ruolo all’interno del Circus debbano ritenersi fortunate.

Secondo il Presidente della FIA, infatti, svolgere una mansione in Formula 1 è qualcosa di assolutamente unico, aspetto che rende le persone legate al Circus dei veri e propri privilegiati. Un punto di vista curioso, ma che nasce dall’idea di giustificare un calendario esteso composto da venticinque appuntamenti (le squadre preferirebbero mantenere l’attuale formato da venti/ventidue round.ndr).

“Siamo fortunati a trovarci in un mondo che amiamo”, ha affermato Jean Todt. “Lavoriamo in un mondo che amiamo, ragion per cui dovremmo ritenerci fortunati. Chiunque lavori in Formula 1 è un privilegiato. Nelle altre attività che svolgo incontro persone che guadagnano trenta dollari al mese e ritengo che non dovremmo dimenticare simili realtà”.

“Tutti quelli che si trovano nella massima serie e guadagnano un certo tipo di somme rispetto ad altre professioni dovrebbero essere felici”, ha proseguito il presidente della FIA. “Ciò non significa che non sia un lavoro duro, ma è opportuno valutare la propria posizione”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Paolo C.

    20 Gennaio 2020 at 16:50

    Ah sì? fortunati?

    Vallo a dire a quei padri di famiglia che devono stare lontani da casa per 25 settimane in un anno, guadagnando comunque un tozzo di pane (parlo dei meccanici, se non si fosse capito), se sono fortunati.

    Tu sei un bast*ardo privilegiato. Tutti quelli che stanno in alto lo sono.

    Vallo a chiedere a quelli che stanno sotto se si sentono privilegiati.

  2. Pingback: F1 | Un meccanico della Haas risponde alle provocazioni di Jean Todt sul calendario a 25 appuntamenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati