F1 | Silverstone: Russell porta la Williams in Q2 ma la penalità lo relega in ultima fila

Il britannico: "Dobbiamo essere soddisfatti della prestazione", Latifi: "Frustrato per il testacoda in Q1"

F1 | Silverstone: Russell porta la Williams in Q2 ma la penalità lo relega in ultima fila

Ci si aspettava un passo indietro della Williams a Silverstone, ed effettivamente il team di Grove non ha fatto l’exploit di Budapest con entrambe le macchine in Q2. Ce l’ha fatta però George Russell, che con la quindicesima posizione in griglia è comunque riuscito a superare il primo taglio, peccato però che il britannico sarà costretto ad arretrare fino al fondo dello schieramento per aver ignorato le bandiere gialle esposte dopo l’uscita di Latifi, che con un altro errore negli ultimi istanti della prima sessione di qualifiche si è guadagnato l’ultima fila accanto proprio al malcapitato compagno di squadra.

“Dobbiamo essere contenti per le nostre prestazioni – ha detto Russell (dichiarazioni rilasciate prima della penalità, ndr). Per tre volte di fila siamo stati più veloci al sabato rispetto a domenica, e per questo oggi sono rimasto sorpreso della prestazione avendo cercato di impostare l’assetto per la gara. La vettura è stata grandiosa e divertente da guidare. Una volta arrivati in Q2 vogliamo sempre di più, ma il nostro obiettivo era quello di stare davanti ad Haas e Alfa, perché l’AlphaTauri è troppo avanti rispetto a noi. Sono contento del lavoro svolto, vedremo cosa accadrà domani”.

“Abbiamo fatto un reset della vettura stanotte per essere più competitivi – ha ammesso Latifi. La vettura andava bene e mi sentivo più in fiducia. Sono deluso da me stesso e dall’errore fatto nel giro finale: sono andato troppo deciso sull’acceleratore e ho fatto girare la macchina. Penso che se avessi finito il giro, sarei potuto andare in Q2, George ha dimostrato come fosse possibile. Avevamo dei dubbi sul potenziale della nostra vettura in qualifica rispetto a Budapest, ma ci sono segnali positivi, sono solo un po’ frustrato per la mia prestazione”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati