F1, Sicurezza: FIA punta su Halo, Aeroscreen abbandonato

Red Bull accantona lo sviluppo della discussa cabina di protezione

F1, Sicurezza: FIA punta su Halo, Aeroscreen abbandonato

Proseguono gli sviluppi sul fronte sicurezza per la F1 2017.

La FIA continua a discutere sui nuovi sistemi di protezione per le monoposto da adottare in futuro. É ormai certo che il sistema “Halo” visto su Ferrari sarà il prescelto per la prossima stagione.

La Federazione ha comunque chiesto a Red Bull di portare avanti il suo “Aeroscreen”, parabrezza completamente coperto che abbiamo visto in più di un’occasione quest’anno.

Il progetto non aveva convinto per la possibilità che la testa del pilota potesse andare a sbattere con il vetro della protezione in caso di impatto in avanti, ma non erano stati esclusi miglioramenti.

Chris Horner, gran capo di Red Bull, ha però escluso che il team continuerà a sviluppare “Aeroscreen” nel prossimo futuro: “Abbiamo troppi altri progetti in questo momento. Stiamo lavorando sulle vetture del 2016 e del 2017 e sulla macchina per i test Pirelli che dovrà essere pronta per agosto, quindi siamo già a pieno regime”.

Manuel Lai

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. Federico Barone

    18 Giugno 2016 at 11:34

    Scopro ora che – oltre ad avere un nuovo regolamento che predilige l’aerodinamica (e Newey è contento come una Pasqua) – la Red Bull fornirà alla Pirelli una vettura per i test.

    Fermo restando che io credo veramente nella professionalità di coloro che svolgono questo lavoro (fornitori, federazione e team manager), come si fa a continuare (la Federazione) a decidere regolamenti ed il futuro della F1 “in accordo” con un costruttore o con l’altro? Ricordo al proposito le voci sull’origine dell’attuale regolamento, la 1000 km di Barcellona (rimasta impunita!), i vari bonus ai team più ricchi e vincenti e troppe altre cose.

    Stesura di regolamenti e decisioni atte a farli rispettare dovrebbero essere compito esclusivo di una federazione forte e competente. Se non lo è, che si lasci perdere tutto questo wrestling.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati