F1 | Schumacher: novità sulla cura “top secret”

Secondo un esperto delle cure staminali, la terapia è stata fatta per il cuore

F1 | Schumacher: novità sulla cura “top secret”

Qualche giorno fa vi abbiamo riportato la notizia che Michael Schumacher è stato trasferito all’ospedale George Pompidou, a Parigi per una cura con cellule staminali. In queste ore, sono circolate tante indiscrezioni in merito a questa cura “top secret”, ma grazie a “La Gazzetta dello Sport”, che ha contattato un luminare delle cure staminali, Michel Puceat, abbiamo qualche indicazione in più.

Puceat inoltre, ha collaborato con il professore Philippe Menasché che nel 2014 è stato il primo ad eseguire un trapianto di cellule cardiache embrionali su un paziente con insufficienza cardiaca e in queste ore ha seguito la terapia cui è stato sottoposto il sette volte campione del mondo.

“Non esistono sperimentazioni di cure staminali per il cervello, almeno in Francia -ha sentenziato il professore- secondo la mia conoscenza, non ci sono studi che possano garantire l’ applicazione delle cellule staminali per curare lesioni al cervello di pazienti in coma o in stato vegetativo”.

Se non riguarda il cervello, allora per quale ragione il tedesco è stato trasportato fino a Parigi? Per Puceat la ragione è solo una: il cuore.

“In quel reparto del dipartimento, lavorano esclusivamente sui tessuti del cuore per scopi anti-infiammatori in quanto finora, la rigenerazione di cellule cardiache non ha dato risultati sperati”. 

Sempre secondo la fonte italiana, il paziente è arrivato in ospedale sotto falso nome e dovrebbe essere dimesso nella giornata odierna.

 

F1 | Schumacher: novità sulla cura “top secret”
3.7 (73.33%) 6 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Schumacher trasferito a Parigi

Il tedesco si troverebbe nel dipartimento di chirurgia cardiovascolare
Pare ci siano degli aggiornamenti sulle condizioni di salute del sette volte iridato, Michael Schumacher, ma come sempre, non avendo