F1 | Schumacher, Ilott e Shwartzman domani in pista a Fiorano

I tre saranno impegnati alla guida della Ferrari SF71-H

"Abbiamo voluto organizzare questo test per mettere i nostri tre talenti nelle migliori condizioni possibili", ha affermato il DS del Cavallino Laurent Mekies
F1 | Schumacher, Ilott e Shwartzman domani in pista a Fiorano

Il venerdì di prove libere del Gran Premio dell’Eifel, che si disputerà nella mattinata di venerdì 9 ottobre sul tracciato del Nürburgring, vedrà il debutto in un weekend iridato di Mick Schumacher e di Callum Ilott che scenderanno in pista nella prima sessione di prove libere al volante rispettivamente dell’Alfa Romeo Racing e dell’Haas.

A fine stagione poi toccherà anche a un altro pilota della Ferrari Driver Academy, Robert Shwartzman, che sarà impegnato nelle prove libere di Abu Dhabi.

Nella giornata di domani, mercoledì 30 settembre, i tre saranno protagonisti di una sessione di test sulla pista di Fiorano a bordo della Ferrari SF71-H – la Rossa che prese parte al Mondiale 2018 – propedeutica all’appuntamento che li attende nelle prossime settimane.

Il direttore sportivo della Rossa Laurent Mekies, commentando il futuro esordio dei piloti della FDA, ha detto: “Abbiamo voluto organizzare questo test per mettere i nostri tre talenti nelle migliori condizioni possibili per affrontare un evento che sarà comunque speciale per la loro carriera. Sarà utile per loro prendere confidenza con una vettura di Formula 1, ben più complessa di quella con cui sono abituati a gareggiare adesso”.

Mekies ha poi aggiunto: “Siamo lieti che Haas e Alfa Romeo Racing offrano a tre giovani come Callum, Mick e Robert questa opportunità e colgo l’occasione per ringraziare entrambi i team. Crediamo molto nella nostra Academy, che ha già confermato con Charles Leclerc di poter dare alla Scuderia un pilota su cui costruire il futuro a lungo termine. Callum, Mick e Robert stanno dimostrando in questa stagione di Formula 2 il loro valore e questo test è un’ulteriore tappa nel loro processo di crescita”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati