F1 | Ricciardo e il divorzio con la Renault: “Certamente non mi aspettavo di vincere”

"Il tempo dirà se la decisione di andare in McLaren sia stata o meno quella corretta", ha detto l'australiano

Ricciardo torna sull'addio alla Renault in un'intervista su Sky Sports
F1 | Ricciardo e il divorzio con la Renault: “Certamente non mi aspettavo di vincere”

Continua l’avvicinamento al mondiale 2020 di Formula 1. Tra dieci giorni le vetture torneranno in pista per le prime prove libere del Gran Premio d’Austria, dopo mesi di chiusura per via del Coronavirus. Nonostante l’attività stia per riprendere, con i team che nel frattempo hanno trovato il tempo di allenarsi con le vecchie vetture in giro per l’Europa, c’è ancora il tempo per tornare sulle vicende che hanno suscitato grande interesse in questi mesi. Una di queste è sicuramente il passaggio di Ricciardo dalla Renault alla McLaren dopo appena un anno di matrimonio non certo felice. Il tutto sarà effettivo dal 2021, quindi l’australiano e il team francese dovranno convivere ancora per una quindicina di gare (supponiamo, non essendoci ancora un calendario completo e definitivo). Daniel parla anche di come il lockdown abbia fatto capire quanto la Formula 1 gli mancasse.

“La cosa più importante che ho notato in tutto questo tempo fuori dalla macchina è stato quanto mi è mancata la Formula 1, quanto la amo e quanto voglio continuare a correre – ha detto Ricciardo. Ci sono momenti in cui non va come vorresti e sei tipo “Ah, vorrò ancora farlo per cinque anni oppure mi ritirerò alla fine della stagione?”, ma non poter gareggiare mi ha ricordato quanto mi manca! Quindi, la pausa forzata ha alimentato il desiderio di rimanere e avere successo nello sport per molti anni a venire”.

Poi l’australiano è tornato sul passaggio in McLaren e la decisione di lasciare la Renault dopo appena un anno (e con un mondiale ancora da affrontare insieme): “Queste cose richiedono tempo, non ho deciso nel giro di una o due settimane. La realtà è che non è ancora una decisione ben definita, immagino! La McLaren si è sicuramente distinta lo scorso anno, non commettendo alcun errore. E’ stata la squadra che ha fatto i maggiori progressi, quindi c’è del fascino in questo. Diciamo comunque che non mi aspettavo di lottare per vittorie e podi con la Renault l’anno scorso: so che non abbiamo raggiunto il risultato sperato, ma c’era ancora spazio per crescere e riuscirci, però vedendo il lavoro fatto dalla McLaren, sicuramente mi ha aiutato a convincermi nel fare questa scelta. Ci sono i pro e i contro, il tempo dirà se ho fatto la scelta giusta”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati