F1 | Renault, Sainz preoccupato: “Il quarto posto nei costruttori? Occhio alla Force India”

Il pilota spagnolo: "Sarà una seconda parte di stagione difficile"

F1 | Renault, Sainz preoccupato: “Il quarto posto nei costruttori? Occhio alla Force India”

A sei gare dal termine della stagione, la Renault teme di perdere il quarto posto nel campionato costruttori. La scuderia transalpina, rispetto alla prima metà di stagione, è calata in termini di performance: negli ultimi GP Haas e soprattutto Force India, al netto di alcuni episodi sfavorevoli, si sono mostrate superiori. Ne è consapevole Carlos Sainz, che ai microfoni di Autosport non ha nascosto la sua preoccupazione: “Il nostro obiettivo è quello di finire al quarto posto nel campionato costruttori ma, se non fosse stato per la penalità subita dalla Force India (l’azzeramento di punti dovuto al cambio di proprietà, ndr), loro ci sarebbero stati davanti per pura prestazione. Dobbiamo stare molto attenti alla Force India, sappiamo che nella seconda parte della stagione iniziano sempre ad animarsi e lo hanno dimostrato ancora una volta: quando hanno da investire un po’ di soldi e tutto il resto…In una pista come Singapore dove ci aspettavamo di essere in vantaggio, ci siamo trovati dietro”.

Sainz conosce bene le aree in cui la Renault deve progredire: “Sappiamo che la nostra vettura è forte nelle curve a bassa velocità. Generiamo molta grip e carico a bassa velocità, ma sappiamo che il nostro rendimento tra cordoli e dossi non è quello che dovrebbe essere se paragonato a quello di altri team. Continuiamo a lavorarci ma è probabilmente ancora il nostro principale punto debole. Gran parte di questo è dovuto anche al motore: siamo bloccati alla specifica B (l’introduzione di una nuova power unit comporterebbe una penalità, ndr) e gli altri hanno compiuto enormi passi in avanti durante l’anno che noi non siamo stati in grado di fare. Daremo tutto per mantenere la quarta posizione, ma sarà una seconda parte di stagione difficile”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati