F1 | Renault, Ocon sull’Istanbul Park: “Generalmente sui tracciati veloci siamo competitivi”

La Renault è in lotta per il terzo posto nel mondiale costruttori

F1 | Renault, Ocon sull’Istanbul Park: “Generalmente sui tracciati veloci siamo competitivi”

Nonostante un netto passo in avanti in termini prestazionali, gli ultimi appuntamenti non sono andati proprio nella direzione giusta per Esteban Ocon, costretto per ben tre volte nelle ultime cinque gare a parcheggiare la propria vettura a bordo pista per degli inconvenienti tecnici, mentre il suo compagno di squadra, Daniel Ricciardo, in due di queste corse finiva sul terzo gradino del podio. Con la lotta per il terzo posto nel mondiale costruttori che sta entrando sempre più nel vivo, i punti del pilota francese saranno fondamentali per difendere la propria posizione in campionato. Tuttavia, come per altri piloti, il prossimo appuntamento in Turchia rappresenterà una novità per Ocon, che nel corso degli anni non ha mai avuto l’opportunità di scendere in pista sul tracciato di Istabul Park, nemmeno nelle serie propedeutiche.

“Istanbul Park rappresenta un nuovo tracciato per me in quanto non ci ho mai corso prima. Ho visto tutte le gare quando ero più giovane e sembra una pista impressionante. Ricordo alcuni momenti fantastici, come Michale e Fernando lottare sulla linea del traguardo nel 2006 nel corso dell’ultimo giro. Ha delle curve molto interessanti, è una pista rapida. Dovrebbe essere emozionante con questa nuova generazione di vetture. Curva 1 è in discesa ed è quasi cieca. C’è un buon numero di curve a medio/alta velocità, con un buon flow. Poi c’è curva 8, che è una curva a sinistra con tre apici. Sembrava impressionante con le vecchie vetture e penso che quest’anno sarà ancora meglio. Non vedo l’ora di scendere in pista. Generalmente sui tracciati veloci siamo competitivi, quindi penso che sarà molto bello guidare qui, dove c’è anche qualche opportunità di sorpasso sui rettilinei”, ha raccontato il francese della Renault.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati