F1 | Polemica FOPA – Liberty Media, Sticchi Damiani: “Le pay tv tolgono visibilità a questo sport”

"La lettera è stata sottoscritta da sedici organizzatori e consiste in una richiesta di maggiore attenzione nei confronti dei Gran Premi", ha aggiunto

F1 | Polemica FOPA – Liberty Media, Sticchi Damiani: “Le pay tv tolgono visibilità a questo sport”

Intervenuto sulla recente polemica tra l’associazione FOPA e Liberty Media, Angelo Sticchi Damiani ha voluto spiegare i motivi che hanno spinto gli organizzatori a presentare una lettera di protesta nei confronti della società statunitense, sottolineando come quest’ultima stia portando avanti delle scelte poco salutari per il futuro del Circus.

L’obiettivo della FOPA, infatti, è quello di riconsiderare certe mosse definite ‘problematiche’, come ad esempio il voler puntare sulle pay tv per quello che riguarda la cessione dei diritti. Questa strada, secondo il Presidente dell’ACI, penalizza fortemente la visibilità e non permette a un buon numero di appassionati di seguire questo sport.

Ecco le parole di Angelo Sticchi Damiani riportate da Digital-Sat: “La lettera è stata sottoscritta da sedici organizzatori e consiste in una richiesta di maggiore attenzione nei confronti dei Gran Premi, con la proposta di riconsiderare certe scelte, come il ricorso alla tv a pagamento. Parliamo di una scelta logica per i promoter, ma che agli organizzatori toglie visibilità e non accontenta gli appassionati in Italia”.

“C’è una questione mediatica e una commerciale”, ha proseguito il Presidente dell’ACI. “L’anno scorso per altro abbiamo avuto una trasmissione in chiaro del GP di Monza. Il voler gestire il rapporto ‘one to one’, che era nelle corde di Bernie Ecclestone, è un modo efficace di discutere caso per caso, ma ci sono delle problematiche abbastanza comuni a tutti che era giusto racchiudere in un documento”.

F1 | Polemica FOPA – Liberty Media, Sticchi Damiani: “Le pay tv tolgono visibilità a questo sport”
4.4 (87.5%) 8 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati