F1 | Piero Ferrari sull’addio di Vettel: “È stata una scelta condivisa”

Sull'identikit del successore di Vettel: "Un giovane con alcuni anni di esperienza"

Il sostituto del tedesco dovrebbe essere Carlos Sainz
F1 | Piero Ferrari sull’addio di Vettel: “È stata una scelta condivisa”

Piero Ferrari, intervenuto ai Q Talks organizzati da Quattroruote in occasione del 70 ° anniversario della Formula Uno, ha parlato dell’addio tra la scuderia del Cavallino e Sebastian Vettel che si consumerà a fine 2020. Per il vice presidente di Maranello il mancato rinnovo del quattro volte campione del mondo è stata una logica conseguenza di un ciclo giunto alla conclusione.

I galloni di capitano passano dunque a Charles Leclerc, legato contrattualmente con il Cavallino fino al 2024. Al monegasco potrebbe aggiungersi un altro giovane talento: Carlos Sainz. Difatti lo spagnolo, in base ai rumors che stanno circolando in queste ore, dovrebbe essere il sostituto di Vettel.

Leclerc perché è un ragazzo molto talentuoso e intelligente cresciuto nella nostra Academy. Un altro giovane? Mi piacerebbe sicuramente ma la Ferrari non è il posto per un giovane che viene dalla Formula 2. Forse un giovane che ha già alcuni anni di esperienza sarebbe molto meglio”, ha sottolineato il figlio del Drake.

Ferrari poi ha discusso di Vettel e del suo periodo a Maranello: “È una bella storia che avrebbe potuto essere molto più bella, ma è finita. Abbiamo raggiunto la fine del rapporto con Vettel per vari motivi, da parte sua e della squadra. Non abbiamo più vissuto bene insieme e abbiamo deciso di separarci: è come un matrimonio finito”. 

Completando la propria disamina ha aggiunto: “Non si tratta di avere il miglior pilota o la migliore macchina. Ho avuto molta fiducia e grande stima per Sebastian così tante volte perché ha corso grandi gare, quindi non se era lui che non capiva la macchina o eravamo noi quelli a non aver capito, ma queste cose possono succedere. Non è il momento di incolpare nessuno”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati