F1 | Mercedes, Wolff spiega perché Bottas e non Wehrlein: “Non volevamo bruciare Pascal”

Con Valtteri Bottas la Mercedes è andata sul sicuro, per Wehrlein ci sarà tempo...

F1 | Mercedes, Wolff spiega perché Bottas e non Wehrlein: “Non volevamo bruciare Pascal”

L’ingaggio di Valtteri Bottas da parte della Mercedes non rappresenta una bocciatura per il giovane Pascal Wehrlein. Toto Wolff, team principal delle frecce d’argento, ha spiegato perché la scelta è caduta sul pilota della Williams, preferito al giovane tedesco. Wehrlein deve ancora completare il suo percorso di crescita, e avrà modo di farsi le ossa correndo con la Sauber.

“Non volevamo bruciare Pascal. Abbiamo una nostra idea del percorso di crescita di un giovane pilota, pensiamo che ci vogliono due tre anni per arrivare a certi livelliha affermato Wolff ad Auto Motor Und SportNon volevamo fare diversamente, solo perché la situazione era cambiata all’improvviso. Abbiamo preferito mettere accanto a Lewis un pilota esperto, poco incline all’errore, un buon mix di velocità ed esperienza, in modo da sostituire al meglio Rosberg. Siamo andati sul sicuro”.

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati