F1 | Mercedes, Lewis Hamilton: “Sorpresi dal degrado gomme”

"Loro erano molto più veloci sul dritto" ha ammesso il sette volte campione del mondo

F1 | Mercedes, Lewis Hamilton: “Sorpresi dal degrado gomme”

E’ stato beffato Lewis Hamilton al Paul Ricard, che a pochi chilometri dalla bandiera a scacchi si arrende alla potenza del motore Honda di Max Verstappen e cede la vittoria al rivale. Hamilton riesce a prendersi la leadership alla partenza, dopo un errore proprio dell’olandese in curva uno; il sette volte campione del mondo continua a comandare, ma paradossalmente è proprio il suo muretto a mettere in crisi le sue chance di vittoria. E’ Bottas il primo ad essere richiamato ai box, la Red Bull reagisce richiamando Verstappen, che su gomme hard fa il miracolo e resta davanti ad Hamilton dopo il pit. E’ allora che Lewis crede di avere di nuovo la vittoria in pugno: le gomme non reggono, e Max rientra per la seconda sosta, mentre la W12 resta in pista. Verstappen recupera secondi su secondi, sorpassando Lewis senza fatica e difficoltà a pochi metri dal traguardo: Hamilton vede allontanarsi la vetta del campionato, ed è ora a meno dodici nel campionato piloti.

Congratulazioni a Max, ha fatto un grande lavoro oggi – ha detto Lewis alla fine – le Red Bull erano molto più veloci sul dritto per tutto il weekend, ma considerando le nostre difficoltà di venerdì, posso ritenermi felice del risultato. Ovviamente, non abbiamo vinto e avevamo la prima posizione, ma le gomme erano andate alla fine e sfortunatamente abbiamo perso la posizione, ma è una bella gara, questo è sicuro. Abbiamo perso molto tempo sui rettilinei, dobbiamo salvare e capire il perché, se è per via della potenza o del drag, ma tutto sommato abbiamo un buon pacchetto. Non sapevamo quanto avrebbe pagato l’undercut, ma siamo rimasti molto sorpresi invece dal consumo delle gomme anteriori, la loro strategia era ovviamente migliore e ha funzionato“.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati