F1 | McLaren, Carlos Sainz: “Un quarto posto molto amaro”

"Il podio era davvero vicino" ha aggiunto lo spagnolo, che ha condotto la maggior parte della gara in terza posizione

F1 | McLaren, Carlos Sainz: “Un quarto posto molto amaro”

Carlos Sainz meritava di finire sul podio oggi, dopo la caotica gara di Sakhir che ha visto le Mercedes soccombere, così come le speranze di Russell di poter vincere il primo gran premio in carriera. Proprio Russell ha avuto un grande sprint in partenza, conquistando la leadership, seguito dal pole man Valtteri Bottas. Carlos Sainz ha avuto un ottimo spunto al semaforo verde, ed ha approfittato del ritiro di Leclerc e Verstappen per arrivare dalla ottava alla terza posizione. Ha militato dietro le frecce d’argento per buona parte del primo stint su gomma soft, per poi rientrare ai box e montare la mescola media. Termina la gara con un secondo set di gomme medie, con cui cerca di riprendersi la terza posizione occupata da Lance Stroll, ma la bandiera a scacchi arriva un giro in anticipo per lui e lo spagnolo si deve accontentare del quarto posto. Un weekend difficile per la McLaren, che si vede soffiare il terzo posto nel campionato costruttori dalla Racing Point, che termina il weekend con due piloti sul podio, vincendo il gran premio.

“Argh! E’ un quarto posto davvero amaro. Il podio era vicinissimo, per tuta la gara, ma sfortunatamente non siamo riusciti a concretizzarlo – ha spiegato Sainz – la partenza è stata piena di eventi e sono riuscito ad infilarmi in terza posizione. Il primo stint con la soft è stato molto buono. Abbiamo azzeccato le strategie, optando per due sole soste. Dopo l’ultima safety car, la Mercedes bloccata dietro Stroll non sono state di grande aiuto, credo di aver perso un giro o più. Sono riuscito a superare la Mercedes e rincorrere Stroll fino alla fine, ho mancato il podio davvero per poco. Ho dato tutto me stesso oggi, ho fatto tutto ciò che potevo. E’ frustrante, ma allo stesso tempo siamo stati battuti da vetture un po’ più fortunate di noi durante tutto i weekend. Non possiamo essere troppo delusi, continueremo a spingere fino all’ultima bandiera a scacchi”.

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati