F1 | La Mercedes nega accordi con la FIA per cacciare Masi e Tombazis

Secondo la BBC, Lewis Hamilton starebbe aspettando decisioni della Federazione per continuare o meno

F1 | La Mercedes nega accordi con la FIA per cacciare Masi e Tombazis

Sono settimane di riflessione per Lewis Hamilton, sparito totalmente dai radar dopo la batosta ricevuta ad Abu Dhabi, che lo aveva visto di fatto conquistare l’ottavo titolo mondiale fino all’incidente di Latifi, laddove tutto è stato stravolto con Max Verstappen in grado di sorpassarlo all’ultimo giro dopo una ripartenza da Safety Car che ha creato polemiche su polemiche. Nei giorni immediatamente successivi alla bandiera a scacchi di Yas Marina, si è fatta sempre più insistente la voce di un ritiro di Hamilton dalla Formula 1, molto scosso dopo quanto accaduto. Nelle ultime ore si dice che il britannico stia pensando ad una stagione di pausa, mentre i britannici della BBC hanno messo carne al fuoco.

F1 | La FIA vuole chiudere la questione Abu Dhabi in tre settimane

Stando a quanto riportato dal media inglese, il sette volte campione del mondo starebbe aspettando la rimozione di Michael Masi e Nicholas Tombazis dai loro ruoli in FIA prima di prendere una decisione se continuare o meno, addirittura la Mercedes avrebbe ritirato il ricorso annunciato subito dopo Abu Dhabi proprio per una sorta di accordo segreto con la Federazione, la quale avrebbe dovuto sollevare dai rispettivi incarichi i due sopracitati. Secondo diverse indiscrezioni, la squadra anglo/tedesca ha negato tutto ciò, ribadendo di aver ritirato l’appello soltanto dopo aver ricevuto rassicurazioni dalla FIA in merito all’indagine iniziata qualche giorno e che si spera possa finire entro fine mese. Da quel momento in poi la Federazione con sede a Ginevra non ha più rilasciato dichiarazioni ufficiali.

3.5/5 - (122 votes)

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati