F1 | La Formula 1 rivela perchè ha dato meno soldi ai team nel 2017

Chase Carey ha spiegato le motivazioni dietro questa difficoltà economica

F1 | La Formula 1 rivela perchè ha dato meno soldi ai team nel 2017

I team di Formula 1 hanno ricevuto 38 milioni di euro in meno nel 2017 rispetto all’anno precedente, con un calo del 5%, poiché le squadre sono passate dall’ottenere 784 milioni di euro due anni fa a 746 la scorsa stagione e questa è la prima volta che l’importo dato diminuisce.

All’inizio di febbraio, infatti, circolava la notizia di quanto i nuovi proprietari della Formula 1 avessero perso nel primo anno di proprietà del circus. Ora, un mese dopo, viaggia in rete un report molto chiaro che indica perfettamente come gli americani abbiano usato una parte del reddito monetario della classe regina che sarebbe dovuto andare ai team, per rinnovare invece la Formula 1. Liberty Media ha confermato che i ricavi del Gruppo F1 sono stati ridotti di 9,7 milioni di euro, da 1.458 milioni di euro a 1.448, secondo il portale web statunitense Motorsport.com.

Questo calo è dovuto al fatto che l’anno scorso ci fu una gara in meno rispetto al 2016 e al trattamento che Bernie Ecclestone fece per garantire che il Gran Premio del Brasile pagasse meno dalla scorsa stagione, tra le altre ragioni. Inoltre, la F1 è in piena fase di investimento e influenza le squadre. Si sono appena “trasferiti” in nuovi uffici a Londra, hanno aumentato il personale e investito denaro in iniziative come la mostra di Londra, come parte della promozione dello sport: “Abbiamo speso di più dei ricavi. Anche le spese generali, amministrative e di vendita sono aumentate il quarto trimestre e tutto l’anno 2017 per l’assunzione di nuovo personale e nuovi uffici”, ha riportato Liberty Media.

Le squadre criticano il fatto che Liberty abbia fatto ricorso al denaro del reddito della F1 invece che investire fondi propri: “Abbiamo stabilito la nostra nuova sede a Londra, che impiega circa 120 persone, che spero diventino 150 alla fine del 2018,” ha dichiarato Chase Carey, presidente della F1. “Nel complesso, ci aspettiamo un aumento della spesa di oltre 40 milioni di euro rispetto al 2016, esclusi i costi di marketing e di sviluppo, strettamente legato a nuove iniziative”, ha detto Carey, che ha fissato gli obiettivi 2018 per migliorare il bilancio annuale e il flusso di cassa a lungo termine.

Tuttavia, Carey è convinta di essere sulla strada giusta: “Un anno fa avevamo più di 3,25 miliardi di debito lordo e oggi siamo a 2,6 miliardi, con circa 93 milioni di euro di risparmio, con una struttura fiscale migliorata e altri cambiamenti”, ha continuato il boss della Formula 1. “Siamo stati sorpresi dall’entusiasmo dei nuovi soci. C’è un reale interesse e probabili nuovi partner, promotori e nuove aziende. La nostra priorità è costruire qualcosa a lungo termine, non a breve”, ha detto Carey in conclusione.

Fabiola Granier

F1 | La Formula 1 rivela perchè ha dato meno soldi ai team nel 2017
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Gli obiettivi futuri di Liberty Media: Europa, Asia e America

"Siamo stati molto chiari, probabilmente dal giorno in cui siamo entrati, riguardo ai nostri obiettivi e ambizioni di far crescere lo sport negli Stati Uniti e in Asia"
La storia della Formula 1 è sempre stata in Europa: circuiti come Silverstone, Monaco, Spa-Francorchamps o l’Autodromo di Monza sono