F1 | La Ferrari ricorda Villeneuve: “Salut Gilles!”

"Un uomo che incarnava il motto di non mollare mai", ha sottolineato la scuderia del Cavallino su Facebook

F1 | La Ferrari ricorda Villeneuve: “Salut Gilles!”

La Ferrari, attraverso i propri canali social, ha ricordato Gilles Villeneuve nel trentasettesimo anniversario dalla morte. Il canadese perì in seguito al drammatico incidente, causato dalla collisione con la March guidata dall’ex compagno di squadra in McLaren Jochen Mass, che lo vide protagonista nel sabato di qualifiche di Zolder, pista che ospitava l’edizione 1982 del Gran Premio del Belgio.

37 anni dopo, ricordiamo il nostro amico e collega Gilles Villeneuve. Salut Gilles!”, il pensiero pubblicato su Twitter dalla scuderia del Cavallino

Pazzo. Veloce. Leggenda. Oggi ricordiamo Gilles Villeneuve. Un uomo che incarnava il motto di non mollare mai”, il post presente su Facebook.

Villeneuve, ricordiamo, nella sua breve carriera nel Circus ha ottenuto 6 vittorie, 2 pole position e 13 podi.

Piero Ladisa


F1 | La Ferrari ricorda Villeneuve: “Salut Gilles!”
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

1 commento
  1. Victor61

    8 maggio 2019 at 18:22

    Glilles e Ayrton vengono giustamente celebrati in questi giorni soprattutto per la loro inaccettabile e prematura scomparsa…due giganti dell’automobilismo ma soprattutto due personalità straordinarie che ci hanno regalato emozioni irripetibili in un’epoca in cui eravamo tutti più giovani e credevamo ancora nel sogno del bene e della giustizia sportiva che potevano eclissare anche per un piccolo istante tutti i malesseri di un mondo del motorsport allora forse un po’ più semplice e genuino dove il pilota poteva ancora prevalere sulla macchina ma che, come quello di oggi, si cibava anche allora di faziosità, scorrettezze e di arroganza gratuite…come tutte le cose di questo mondo e come dice bene Vasco Rossi in una sua celebre canzone: la vita è un battito che vola via, un sottile equilibrio sopra la follia e la vita di certi campioni irripetibili non è stata certo un’eccezione

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati