F1 | Horner ottimista in vista del 2020: “La stabilita dei regolamenti renderà tutto più eccitante”

"La seconda metà della stagione è stata molto positiva, ma non possiamo esprimere delle valutazioni finché non vedremo cosa faranno le altre squadre durante i test", ha affermato Horner

Horner ha parlato del 2020, sottolineando come Red Bull si aspetta una battaglia ravvicinata con Mercedes e Ferrari per la vetta della classifica
F1 | Horner ottimista in vista del 2020: “La stabilita dei regolamenti renderà tutto più eccitante”

In una chiacchierata concessa a motorsport.com, Christian Horner ha parlato delle aspettative che si è posta la Red Bull per il 2020, sottolineando come la stabilità regolamentare potrebbe aiutare la scuderia austriaca a giocarsela alla pari con Mercedes e Ferrari.

Grazie all’ottimo lavoro svolto con Honda sul finire dello scorso campionato, infatti, la scuderia austriaca spera di poter mettere in pista un pacchetto competitivo, così da giocarsi la vetta della classifica già a partire dal primo round della stagione in Australia.

“A meno che qualcuno non tiri fuori un coniglio dal cilindro, direi che siamo pronti ad affrontare una stagione abbastanza eccitante”, ha affermato Christian Horner. “Potrebbe rivelarsi una stagione abbastanza classica, visto che ci sarà continuità in tutto gli aspetti, partendo dai regolamenti fino ad arrivare al motore e alla fornitura”.

“Nel 2016 abbiamo avuto un auto molto competitiva e questo derivata dalla stabilità dei regolamenti”, ha proseguito il Team Principal. “Questa situazione ci sarà nuovamente l’anno prossimo e siamo pronti a sfruttarla al massimo, ben sapendo che la vettura prevista per l’Australia sarà una grossa evoluzione di quella scesa in pista ad Abu Dhabi”.

Conclusione infine sulle speranze per i test: “La seconda metà della stagione è stata molto positiva, ma non possiamo esprimere delle valutazioni finché non vedremo cosa faranno le altre squadre durante i test. Servirà pazienza”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati