F1 | Ferrari, Vettel sull’errore di Leclerc in Turchia: “Giusto che sia arrabbiato, ma il futuro è suo”

"In Leclerc mi rivedo quando ero ragazzo", ha detto il tedesco

Vettel ha conquistato a Istanbul il primo podio stagionale
F1 | Ferrari, Vettel sull’errore di Leclerc in Turchia: “Giusto che sia arrabbiato, ma il futuro è suo”

Il Gran Premio di Turchia, disputato domenica scorsa sul tracciato dell’Istanbul Park, è stato caratterizzato dai capricci del meteo che ci ha regalato emozioni e colpi di scena. Come quelli nei metri conclusivi di gara dove l’errore di Charles Leclerc lo ha costretto a rinunciare al podio, a causa del maldestro tentativo di sorpasso operato sulla Racing Point di Sergio Perez, favorendo così il compagno di squadra Sebastian Vettel salito al terzo posto.

Proprio il tedesco, parlando della manovra del monegasco, ha dichiarato che malgrado l’arrabbiatura (Leclerc infatti a fine gara si è alterato con se stesso per l’errore commesso) ha il futuro dalla sua parte. Inoltre Seb, che a fine anno saluterà la Ferrari per approdare in Aston Martin, ha ammesso che negli atteggiamenti in pista di Charles rivede il Vettel ragazzo.

Quanto accaduto può inficiare il nostro rapporto? Probabilmente è irrilevante – ha detto Vettel – La Turchia è un posto speciale per me perché è lì che tutto è iniziato. Non è dove finisce tutto ma penso ancora, ripensando a tanti anni fa, che avendo Charles come compagno di squadra spesso mi vedo anche io in lui. È molto più giovane, è molto veloce e penso che essere sul podio o meno in realtà è un po’ irrilevante per lui perché ha tanti anni davanti a sé e così tanti podi da ottenere”.

Il tedesco, completando la propria disamina, ha poi aggiunto: “È giusto che sia arrabbiato, ha commesso un errore e ha perso il podio in quel modo, ma come ho detto, nel quadro generale probabilmente è irrilevante per lui. Penso di essere abbastanza maturo, non ho mai lasciato che questo genere di cose accendesse il rapporto tra noi”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati