F1 | Ferrari, Sebastian Vettel: “Ho fatto il massimo, ma non sono riuscito ad essere abbastanza veloce”

Il tedesco, al suo GP 250 in carriera, si accontenta di una gara noiosa e sacrifica la strategia per il compagno di squadra, terminando tredicesimo

F1 | Ferrari, Sebastian Vettel: “Ho fatto il massimo, ma non sono riuscito ad essere abbastanza veloce”

Di positivo, dalla Russia, Vettel si porta a casa solo un pezzo di torta, quella per i suoi 250 gran premi in Formula 1. Purtroppo, anche stavolta, la gara del tedesco non è stata all’altezza delle aspettative, vuoi per una monoposto che, ormai, si sa, ha le sue carenze, vuoi anche per una gestione non ottimale delle gomme, con una strategia sacrificata per aiutare il compagno di squadra Charles Leclerc. I due ferraristi, infatti, sono stati tra gli ultimi ad effettuare la prima sosta, Leclerc rientra al ventinovesimo giro, Vettel al trentunesimo, passando entrambi dalla gomma media alla hard. Il tedesco ha ritardato il suo rientro ai box per trattenere le due Renault, aiutando quindi Leclerc a mantenere la sua posizione.

Sebastian Vettel guadagna quindi solo una posizione rispetto a quella di partenza, terminando in tredicesima posizione, doppiato sia da Valtteri Bottas, vincitore del gran premio, sia da Max Verstappen.

È stata una gara piuttosto noiosa nella quale non abbiamo avuto particolari opzioni di strategia. La mia partenza, dal lato sporco della pista, non è stata delle migliori e così non mi sono potuto avvantaggiare degli incidenti e dei problemi altrui. Quando siamo ripartiti dopo la Safety Car mi sono ritrovato nel traffico e ho fatto fatica a rimanere vicino alle vetture davanti a me” ha spiegato Sebastian.

Nella parte centrale della corsa la macchina era più veloce di ieri in qualifica, ma ho avuto problemi nella gestione delle gomme, di sicuro non facilitata dal fatto di seguire continuamente altre vetture. Oggi ho fatto il massimo, ma non sono riuscito ad essere abbastanza veloce”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati