F1 | Ferrari, Leclerc: “Una stagione con meno gare potrebbe portare delle sorprese”

Il monegasco ha però sottolineato: "La Mercedes e Hamilton restano ancora i favoriti con una stagione a 8 gare. Non sarà facile batterli"

Leclerc scommette su una stagione ridotta rispetto a quella in programma
F1 | Ferrari, Leclerc: “Una stagione con meno gare potrebbe portare delle sorprese”

Oltre a discutere del compagno di squadra Sebastian Vettel, del compianto Jules Bianchi e della situazione vigente nel mondo a causa dell’emergenza Covid-19, Charles Leclerc ha analizzato anche ad altri aspetti nell’intervista rilasciata ieri ai media internazionali: tra i quali figurano i GP virtuali e l’eventualità di disputare una stagione abbreviata rispetto a quella in programma.

Finora il monegasco si è disimpegnato molto bene nelle gare online, vincendo i GP ufficiali d’Australia e Cina oltre a primeggiare nella Race for The World.

Giocare bene richiede molto allenamento – ha ammesso Leclerc -. Non giocavo da molto tempo, ma da quando sono riuscito a tornare a farlo ho trascorso circa cinque ore al giorno. Mi alleno al simulatore per rimanere competitivo. Mi aiuta a mantenere la concentrazione mentale. Non abbiamo stress sul nostro corpo come la G-Force ma mi aiuta a mantenere in forma i riflessi. Ci divertiamo ma prendiamo la cosa seriamente. Faccio lo streaming per intrattenere le persone che si annoiano a casa”.

Sulla stagione formata da meno appuntamenti, rispetto ai 22 in programma, l’alfiere del Cavallino ha detto : “12-13 gare sarebbero il numero minimo per avere un campionato significativo. Meno di 12 sarebbe meglio di niente, ma penso che sarebbe davvero il minimo. Difficile dire se una stagione ridotta aiuterebbe o meno a vincere il titolo. Al momento non abbiamo disputato neanche una qualifica e abbiamo ancora in mente i risultati dei test, che non sono andati molto bene. Bisogna aspettare e vedere. Avere 8 o 10 ci spingerebbe a correre più rischi. Sarebbe eccitante per il pubblico e potrebbero esserci delle sorprese. Avremmo strategie più rischiose e faremmo qualche sorpasso in più”.

Leclerc completando la propria disamina ha poi aggiunto: “Sarei molto contento se fossi io il campione. Chiaramente la Mercedes e Lewis Hamilton restano ancora i favoriti con una stagione a 8 gare. Non sarà facile batterli”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Articoli correlati