F1 | Ferrari, Binotto sul GP d’Australia: “Condizioni differenti rispetto a Barcellona, ci sono stati dei fattori esterni che hanno influito sulle nostre prestazioni”

"Quello avvenuto a Melbourne deve rimanere un'eccezione, ma penso che trarremo un insegnamento da questa lezione", ha detto il team principal del Cavallino

F1 | Ferrari, Binotto sul GP d’Australia: “Condizioni differenti rispetto a Barcellona, ci sono stati dei fattori esterni che hanno influito sulle nostre prestazioni”

Il primo weekend della nuova stagione, disputato all’Albert Park di Melbourne, sede del Gran Premio d’Australia, ha visto una Ferrari in serie difficoltà nel confronto con la Mercedes. Se la scuderia della Stella ha infatti aperto in modo trionfale il 2019 con la doppietta Bottas-Hamilton, il Cavallino non è andato oltre un quarto e quinto posto beccando quasi un minuto di distacco sotto la bandiera a scacchi.

Il team principal Mattia Binotto, spiegando le cause della debacle di Maranello nella terra dei canguri, ha detto: “Le condizioni sono certamente diverse da quelle trovate a Barcellona – ha sottolineato l’ingegnere italo-svizzero, citato da Autosport -. Ci sono stati dei fattori esterni che possono aver influito sulle prestazioni della nostra auto. Ma come ha detto Toto (Wolff, ndr) non abbiamo trovato la giusta finestra o il giusto bilanciamento della macchina. È qualcosa che dobbiamo cercare di capire. Una cosa che possiamo affermare con certezza è che il vero potenziale della nostra macchina non è quello visto nel weekend. Siamo certo che il nostro potenziale sia certamente più grande e non siamo stati in grado di sfruttarlo”.

Binotto ha poi aggiunto: “Speri sempre di affrontare e migliorare la situazione durante il weekend, quando hai a che fare con qualche problema legato al bilanciamento e al setup. Quello avvenuto a Melbourne deve rimanere un’eccezione, ma penso che trarremo un insegnamento da questa lezione. Risolvendo il problema possiamo tornare a essere ancora più forti”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati