F1 | Ferrari, Arrivabene difende Vettel: “Non verrà lasciato da solo”

"Dobbiamo essere forti", ha aggiunto il Team Principal

F1 | Ferrari, Arrivabene difende Vettel: “Non verrà lasciato da solo”

Intervistato da Sky Sport al termine dell’ultimo Gran Premio del Messico, terzultimo appuntamento di questo mondiale 2018 di Formula 1, Maurizio Arrivabene ha difeso l’operato di Sebastian Vettel durante l’ultimo campionato, sottolineando come la Ferrari non lascerà da solo il proprio pilota dopo la sconfitta mondiale rimediata a causa di Lewis Hamilton.

Il Team Principal, infatti, punta alla coesione di squadra per inseguire l’obiettivo del costruttori e per far questo darà massimo supporto al tedesco, aiutandolo in un momento certamente non semplice, soprattutto sul piano mentale.

Ecco le parole di Maurizio Arrivabene: “Bisogna stargli vicino in un momento di crisi come questo e la Ferrari di certo non lo lascerà solo. Dobbiamo essere forti, tutti quanti, e buttarci alla spalle il passato. Abbiamo dimostrato che siamo uniti, nonostante quello che si dice in giro, ragion per cui continuano dritti per la nostra strada. Non intendiamo mollare”.

F1 | Ferrari, Arrivabene difende Vettel: “Non verrà lasciato da solo”
5 (100%) 3 votes
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

3 commenti
  1. iceman82

    30 ottobre 2018 at 13:00

    Diamogli 104 e accompagno così magari il titolo lo vince.

    Questa Ferrari è uno scandalo, Arrivabene gode dell’operato di Marchionne. E infatti da quando si è defilato per i motivi di salute il buon Sergio, i nodi son venuti al pettine.

    Primo tra tutti: la partenza di Kimi.

    • calimero

      30 ottobre 2018 at 21:51

      Credo che purtroppo la Ferrari abbia puntato tutto sul cavallo sbagliato. Perdere con questa macchina in questo modo è assolutamente imperdonabile. Nulla mi fa credere che, considerato quello che ha combinato il tedesco nei momenti di maggior pressione, il prossimo anno non saremo di nuovo punto e a capo a tre quarti di campionato. Il pilota giusto era Ricciardo, nessuno me lo toglie dalla testa.
      Ma allo stesso tempo sono convinto che liberarsi di Kimi sia stata una scelta giusta, dato che per la maggior parte dell’anno il suo contributo da secondo pilota sia stato veramente inutile, al contrario di Bottas, che si può insultare fin che si vuole, ma ha fatto il suo dovere di uomo squadra o zerbino per chi preferisce.

  2. alonsosenna4

    1 novembre 2018 at 14:54

    Ma come le vedete le gare??al contrario??la ferrari e vettel sono dovuti andare oltre il 110% e quando fai cosi l’errore è dietro l’angolo.questo xchè la mercedes ha rubato prima con la pirelli x 3 gare gomme speciali ribassate e poi con i mozzi soffianti che erano stati vietati alla redbull.bisogna che la fia controlli r che nn ci sia un tombasis cacciato via dalla ferrari con il dente avvelenato.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati