F1 | Camilleri sulle difficoltà Ferrari: “Stagione molto complessa”

"Il management però ha piena fiducia nella squadra", ha aggiunto l'AD

Camilleri protegge la squadra dopo le difficoltà di questo inizio di stagione
F1 | Camilleri sulle difficoltà Ferrari: “Stagione molto complessa”

Al termine dell’ultimo Gran Premio di Gran Bretagna, quarto appuntamento di questo mondiale 2020 di Formula 1, Louis Camilleri ha parlato delle difficoltà che sta affrontando la Ferrari in questo campionato, sottolineando come il management abbia piena fiducia nelle capacità del Reparto Corse, soprattutto dopo i miglioramenti messi in mostra a Silverstone.

Secondo l’Amministratore Delegato della Ferrari, la Scuderia non ha modificato i propri standard per il 2020 e per il 2021, aspetto che spingerà tutti gli uomini in Rosso a dare il massimo per recuperare il terreno perso nei confronti di Red Bull e Mercedes.

“La stagione 2020 è difficile”, ha affermato Louis Camilleri. “I nostri concorrenti sono molto forti, complimenti a loro. Il nostro team lavora giorno e notte e abbiamo dei talenti forti. Ho fiducia nella squadra. Ci vorrà del tempo, ma la nostra ambizione in F1 resta intatta”.

Sugli effetti della pandemia ha aggiunto: “La Ferrari resta più forte che mai. La pandemia è stata una sfida enorme da superare. Una tempistica doppiamente spiacevole in quanto ci ha inghiottito in un momento critico, la delicata fase di industrializzazione dei nuovi modelli presentati l’anno scorso. Avevamo già anticipato a maggio che i risultati del secondo trimestre erano deboli in tutti gli indicatori chiave, ma in linea con le nostre aspettative”.

“Questi risultati riflettono i tempi molto difficili che abbiamo vissuto”, ha proseguito l’AD della Scuderia. “Desidero, tuttavia, sottolineare la resilienza, l’impegno e la determinazione che sono stati messi in evidenza da tutti i miei colleghi qui a Maranello e nei nostri mercati. Il nostro portafoglio ordini è molto solido, il 2021 sarà un anno forte”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati