F1 | Anniversario Enzo Ferrari, Mattarella: “È stato un grande talento italiano. Esempio di innovazione tecnologica e spirito sportivo”

Anche il Presidente della Repubblica si unisce al ricordo del fondatore del Cavallino

F1 | Anniversario Enzo Ferrari, Mattarella: “È stato un grande talento italiano. Esempio di innovazione tecnologica e spirito sportivo”

Anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è unito al ricordo di Enzo Ferrari, scomparso 30 anni fa il 14 agosto 1988. Ecco la nota ufficiale emessa dal Quirinale:

Enzo Ferrari è stato un grande talento italiano. Il suo nome è riconosciuto in tutto il mondo come esempio di innovazione tecnologica e spirito sportivo e tuttora è considerato un modello e un simbolo nella storia dell’automobile.

Nella sua vita ha conosciuto grandi successi e dolorose difficoltà ma una inesauribile forza e passione personale lo hanno sempre spinto a progredire, unendo creatività, visione e straordinarie doti organizzative.

A trent’anni dalla sua scomparsa desidero ricordare la sua figura, che è rimasta nella memoria e nel cuore non soltanto di chi lo ha conosciuto e apprezzato, delle donne e degli uomini di Maranello, dei tantissimi sostenitori delle imprese sportive del cavallino rampante, ma anche dei nostri concittadini a cui non sfugge l’importante contributo che Ferrari ha fornito alla crescita della qualità italiana, e all’immagine di un paese moderno come il nostro, capace di lasciarsi alle spalle le distruzioni della guerra.

Lo stile e la forza delle sue auto hanno conquistato prestigio e simpatia, e sono diventati valori aggiunti anche nella competizione commerciale e di mercato, sino a farne uno degli emblemi dell’Italia nel mondo.

Enzo Ferrari ha conosciuto la fatica del lavoro e ha testimoniato la capacità di trasformare un sogno in realtà.

Lo ha fatto avendo e ricevendo fiducia delle persone che gli stavano vicine e della comunità che una buona impresa sempre riesce a costruire”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati