F1 | A Melbourne va in scena la rivincita di Bottas

Il finlandese, con una prestazione da fenomeno, zittisce tutti i suoi detrattori

F1 | A Melbourne va in scena la rivincita di Bottas

Una grandissima prestazione al sabato, da assoluto fenomeno la domenica. Forse non basterebbero questi due soli aggettivi qualificativi per descrivere il weekend del Gran Premio d’Australia di Valtteri Bottas.

La prima gara della nuova stagione, disputata quest’oggi all’Albert Park di Melbourne, ci ha consegnato un Bottas che onestamente non avevamo mai visto in tutta la sua carriera. Il finlandese aveva si disputato (e vinto) in passato buone gare, ma senza quel manico e quell’intensità agonistica mostrata nelle ultime ore. Solo il capolavoro del compagno di squadra Lewis Hamilton lo ha privato ieri di una pole position che avrebbe meritato. Ma la calma è la virtù dei forti e Valtteri ha atteso il momento propizio per prendersi la scena, approfittando allo start del leggero patinamento della Mercedes #44.

Superata la prima curva, il finlandese ha salutato il gruppo imponendo alla gara un ritmo forsennato a cui nessuno è riuscito a tenere testa. ‘Timidamente’ Max Verstappen ha cercato – ma invano – di strappargli il giro più veloce della corsa, ma Valtteri il cannibale quest’oggi aveva così tanta fame che non ha lasciato neanche le briciole alla concorrenza.

In tutta umiltà Bottas ha dichiarato a fine corsa di “aver disputato la miglior gara”. Una vittoria che sa di riscatto nei confronti dei suoi tanti detrattori (sicuramente per spiegare il successo odierno di Bottas punterebbero sul problema al fondo accusato da Hamilton, pur di non fare marcia indietro) che lo hanno sempre etichettato come ‘maggiordomo’, ‘tappo’ e ‘yes man’ Mercedes.

Oggi quel tappo il finlandese l’ha (metaforicamente) stappato dalla bottiglia di champagne del vincitore, assaporando quel libidinoso gusto di vittoria e di riscatto.

Alla salute chiaramente di tutti i suoi denigratori.

Well done, Valtteri!

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati