Domenicali avverte: “Dobbiamo comunque ritrovare la pole e la velocità”

Malgrado la vittoria di Alonso la Rossa deve lavorare sulle prestazioni

Il successo dello spagnolo a Valencia non ha nascosto che la Red Bull era velocissima ed è in termini di velocità pura che il Cavallino deve lavorare per le prossime gare
Domenicali avverte: “Dobbiamo comunque ritrovare la pole e la velocità”

Se Fernando Alonso ha trionfato a Valencia in una gara incredibile, recuperando dieci posizioni e vincendo in modo convincente, alla Ferrari i piedi restano per terra e c’è la convinzione che la strada per il titolo sia ancora lunga.

“La Red Bull era straordinariamente veloce a Valencia prima del ritiro”, ha osservato Jenson Button della McLaren, “ed era inattesa questa sua performance.” “Per la prima volta in questa stagione abbiamo visto un pilota molto più veloce rispetto al resto del gruppo. All’inizio Sebastian Vettel aveva un vantaggio astronomico e ci ha ricordato il suo strapotere dello scorso anno. Questo progresso enorme da un punto di vista aerodinamico potrebbe essere decisivo per il prossimo futuro”, ha commentato anche l’ex pilota della Toro Rosso Jaime Alguersuari al quotidiano spagnolo El Mundo. Anche Stefano Domenicali concorda: “Abbiamo visto che la Red Bull è migliorata molto in termini di prestazioni pure. Abbiamo lavorato molto ma non basta, dobbiamo continuare a spingere”, ha detto il team principal del Cavallino a Sky Sport.

“Noi non saremo felici fino al momento in cui torneremo a realizzare la pole position perché questo è un elemento molto importante della gara. Noi stiamo lottando per migliorare la vettura, al momento non possiamo essere felici perché in qualifica dobbiamo raggiungere il più alto livello di prestazione. Alcuni dei nostri avversari hanno avuto dei problemi di affidabilità e ciò deve ricordarci sempre che questo aspetto è fondamentale: in una stagione così equilibrata uno zero in classifica si paga a caro prezzo. L’abbiamo detto all’inizio: sono venticinque punti che non ci faranno certo montare la testa. Sappiamo bene come le cose possano cambiare in quattro e quattr’otto e dobbiamo continuare a lavorare per migliorare la prestazione della vettura perché non è ancora quella che vogliamo avere”, ha concluso il capo in pista della Ferrari.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

39 commenti
  1. Raug

    26 Giugno 2012 at 14:30

    Sono curioso di vedere la qualifica di Silverstone. Pista completamente diversa dalle ultime, con curve veloci ecc. Ho paura che la Red Bull sia riuscita a trovare un paio di decimi di vantaggio, a meno che squadre come Ferrari o McLaren non porti delle novità sostanziali che le facciamo guadagnare almeno due o tre decimi. Speriamo.

    • Federico Barone

      26 Giugno 2012 at 21:27

      Io non ho paura, bensì ne ho la certezza. Del resto è ciò che si è visto a Valencia. La stagione sarà lunga, spero che il vantaggio prestazionale della Red Bull venga annullato presto.

  2. frederick

    26 Giugno 2012 at 14:30

    Domenicali, se hai visto la gara domenica avrai capito che nelle prossime gare, a meno di strani e sospetti fatti, la Red Bull vi darà un secondo al giro come faceva qua a Valencia.

    • frederick

      26 Giugno 2012 at 19:03

      Contaci 😉 I lattinari e il tuo caro Massa hanno tutta la sfiga di questo mondo 😀

    • Federico Barone

      26 Giugno 2012 at 21:28

      Dalla dichiarazione che ha fatto direi che l’ha capito, non trovi?

      Ah, si, dimenticavo che volevi semplicemente provocare… 😀

      • faber

        27 Giugno 2012 at 18:12

        federico, noto che hai finito la pazienza…..
        benvenuto nel club……

  3. frederick

    26 Giugno 2012 at 14:32

    Ehm…Vabbè. Approfitto per dire che nel caso probabile che i tedeschi ci buttino fuori, potremmo dire comunque di aver fatto un buon europeo.

    • frederick

      26 Giugno 2012 at 19:01

      Brutto gufo! E poi siamo su un sito di F1 non di calcio!

    • gamer99

      26 Giugno 2012 at 20:22

      a frocio

    • Federico Barone

      26 Giugno 2012 at 21:25

      Sono d’accordo. La semifinale era il mio obbiettivo minimo. Se arrivasse la finale – ma credo che la Germania sia matura per sfatare la tradizione – sarebbe bellissimo.

      Provateci ancora, azzurri!

  4. giuseppe

    26 Giugno 2012 at 14:44

    ma non ronpete e fate lavorare in pace il tim ferrari

    • frederick

      26 Giugno 2012 at 14:50

      No grazie, preferisco Wind Ferrari 😉

      • Albe

        26 Giugno 2012 at 20:45

        L’unico reale è il Vodafone Mc Laren! 🙂

  5. Red John

    26 Giugno 2012 at 14:51

    Daniele, scusa ma non so se hai notato, ma il sito è f1grandprix, quindi la tua disamina della nazionale italiana non ci interessa, ergo fuori dalle pelotas!

    • frederick

      26 Giugno 2012 at 14:54

      Da una parte il “cucchiaio” che ha steso l’Inghilterra e ha esaltato tutti gli appassionati di calcio, dall’altre la classe cristallina di uno dei trequartisti più forti al mondo. Sarà anche questa sfida nella sfida tra Andrea Pirlo e Mesut Özil a infiammare la semifinale europea di giovedì sera tra Italia e Germania.

      Un duello tra titani, tra fenomeni, tra due giocatori in grado di cambiare con un colpo di genio il corso di una partita. Il metronomo azzurro ha già vinto tutto in carriera, sia a livello di club sia con la maglia della Nazionale; il fenomeno del Real Madrid, di nove anni più giovani del collega italiano, ha invece da poco vinto la Liga con le Merengues e quindi è arrivato in Polonia e Ucraina per provare a conquistare il primo titolo anche con la Germania.

      Due giocatori immensi dal punto di vista tecnico, determinanti e imprescindibili per le loro squadre, ma anche tremendamente devastanti per come occupano il rettangolo di gioco. Pirlo ama interpretare il ruolo di maestro, dirigendo a colpi di lanci, assist e tiri il ritmo di tutta la manovra azzurra: un metronomo infallibile. Al mondo ne esiste solo un altro esemplare: si trova a Barcellona e porta il nome di Xavi. Il cucchiaio vincente con l’Inghilterra ha inoltre esaltato un’altra dote – spesso nascosta per il carattere riservato del giocatore bresciano – dello juventino: Pirlo è un leader, capace anche di capovolgere con una giocata senza logica le dinamiche e l’inerzia di un incontro. Il gol ad Hart ha infatti lasciato il segno nelle menti impaurite di Young e Cole, letteralmente paralizzati sul dischetto. Un geniale psicologo oltre che un fenomeno col pallone tra i piedi. Anche questo è Andrea Pirlo.

      Di origine turche, Özil è invece un calciatore più dinamico, esplosivo dal punto di vista fisico; il classico calciatore moderno. Forte fisicamente, veloce, potente ma dotato di una tecnica immensa. Senza voler esagerare, il tedesco ricorda tantissimo un certo Zinedine Zidane, soprattutto nel modo con cui ‘accarezza’ la palla: una dolcezza poetica accompagnata però anche da accelerazioni devastanti e assist imprevedibili capaci di spezzare in due le difese avversarie. La Nazionale di Loew, fin qui, ha mostrato il miglior calcio d’Europa: quattro vittorie su quattro, 9 gol segnati dove però manca proprio la firma del fantasista del Real.

      Decidere una semifinale europea con un gol sarebbe un ottimo biglietto da visita per provare a vincere il Pallone d’Oro: gli stessi traguardi a cui però punta proprio anche Pirlo. Ecco perché Italia-Germania sarà una sfida nella sfida anche tra questi due grandissimi giocatori.

    • frederick

      26 Giugno 2012 at 15:16

      Ma quanto sei patetico…

    • Francesco

      26 Giugno 2012 at 15:34

      si infatti non trovo corretto che la germania abbia avuto 2 giorni di riposo in più però ci sono quattro giorni per recuperare comunque sia la lucidità che anche alcuni giocatori come chiellini e de rossi che sono usciti malconci dalle gare con irlanda e inghilterra. Dobbiamo cercare di non far giocare i tedeschi, sarà fondamentale il ruolo di colui che andrà a marcare ozil visto che è colui che può comunque cambiare partita, occhio anche a gomez che sottorete è un attaccante fortissimo che se gli lasci spazio difficilmente sbaglia, anche il madridista khedira sta facendo un ottimo europeo insieme al capitano lahm e hummels. Noi dalla nostra dobbiamo sfruttare le qualità di pirlo e cassano che con la loro tecnica potranno fare la differenza, inoltre mi aspetto un balotelli capace di fare la differenza visto che può fare molto di più. Deve giocare poi diamanti al posto di montolivo pechè il neomilanista è troppo troppo lento e contro i tedeschi potrebbe essere un fattore decisivo. Grande lavoro in fase sia difensiva che offensiva dovranno farla balzaretti e abate perchè dovranno pensare a fermare podolsky e muller e dovranno spingere molto sulle fasce dando tante possibilità di gioco a pirlo.
      certo sulla carta loro sembrerebbero superiori però non partiamo battuti, sperando di ripetere la stessa gara di quella del 2006, poi ricordiamoci che i tedeschi non ci battono da 40 anni ed era un amichevole.
      le formazioni saranno le seguenti probabilmente:
      germania (4-2-3-1)
      neuer

      boateng hummels badstuber lahm

      schweinteiger khedira

      muller ozil podolsky

      gomez

      italia(4-3-1-2)
      buffon

      abate barzagli bonucci balzaretti

      pirlo

      de rossi marchisio

      montolivo

      cassano balotelli

  6. Marco E. L.

    26 Giugno 2012 at 15:19

    In un campionato come questo la cosa più importante sembra essere l’affidabilità e avere un pilota che sa guidare in modo superlativo. La Red Bull sta cercando di migliorare a discapito dell’affidabilità. La Ferrari non è la migliore auto ma ha il miglior pilota. Ormai è chiaro che la partita se la giocano, Alonso, Vettel e Hamilton. Gli altri sono solo ottimi outsider. Solo la Lotus potrebbe migliorare ancora ma forse è troppo tardi.

  7. delo

    26 Giugno 2012 at 15:26

    L’anno scorso sbaglio o fu l’unica pista in cui si combino’ qualcosa di buono? In qualifica dietro le imprendibili RB dei record ma in gara Fernando ( grazie ai soliti complotti ovviamente !! 😉 ) fece giri record uno dietro l’altro. Fu la macchina ad andare bene perche’ perfino Felipe riusci a partire in seconda fila! Cio’ premesso, credo che che non sia Silverstone a dire se la Ferrari se la gioca con la RB o meno perche’ poi arriveranno piste a mio avviso peggiori per la gestione gomme della rossa! Fernando lo sa e quindi spingera ancora di piu’ in Inghilterra.

    • manu91

      26 Giugno 2012 at 15:37

      ti ricordo che per quella gara erano stati tolti gli scarichi soffiati

      • delo

        26 Giugno 2012 at 15:58

        oppure erano presenti nelle altre 18 gare!!! 🙂

  8. kroky78

    26 Giugno 2012 at 15:30

    Dopo aver fatto esperimenti a vuoto per 4 mesi Newey è riuscito a mettere a punto come voleva il sistema di scarico. Facendo interagire opportunamente i gas roventi e i flussi freddi che lambiscono le pance è riuscito pulire al massimo i flussi che investono il diffusore e l’ alettone creando un’ efficienza aerodinamica che per gli altri è ancora un miraggio. Quest’ anno le gomme e gli scarichi sono i due elementi chiave per vincere. Speriamo che in Ferrari continuino a migliorare la macchina alla svelta, perchè il salto prestazionale di Vettel è davvero preoccupante.

  9. manu91

    26 Giugno 2012 at 15:32

    Speriamo in inghilterra ci siano temperature basse, voglio vedere come cambiano le prestazioni, perchè ho come l’idea che in quel caso la Ferrari sarà in grado di dire la sua; altrimenti temo in una redbull imbattibile.

  10. Luisa

    26 Giugno 2012 at 16:38

    Come sempre Domenicali, resta sereno e determinato.
    Non si esalta per le vittorie e non dispera per le “sconfitte”. Anche se mi sono resa conto che le critiche pesanti lo feriscono e come….
    Il Dom vuole vincere…. così come lo vogliamo noi.
    Buon lavoro ragazzacci di Maranello.
    😉

  11. AleMans

    26 Giugno 2012 at 17:00

    Perché copiate qui gli articoli di calcio di Yahoo?

  12. luciano

    26 Giugno 2012 at 17:29

    tanto se il sispositivo usa condotti per portare piu aria al diffusore verrà vietato.. nelle immagini in tv ho visto un buco molto sospetto, che a mio parere(se il funzionamento è quello che ho intuito) dovrebbe essere illegale

  13. Giacomo

    26 Giugno 2012 at 18:06

    Finalmente Domenicali dice una cosa sensata.

  14. alonsito

    26 Giugno 2012 at 19:09

    domenicali non ci riuscite, siete sempre indietro!

  15. Samuele

    26 Giugno 2012 at 19:58

    Da notare anche che si sospetta un nuovo bebè in arrivo per Briatore ..
    mentre ci siamo con formula uno, calcio .. facciamo anche gossip
    Eh la madonna

  16. Frenk

    26 Giugno 2012 at 22:03

    Beh, Domenicali si dimostra piu’ realosta e sportivo di Horner e Voldemarko.

  17. Roberto

    27 Giugno 2012 at 11:15

    Ragazzi, cosa ne pensate del nuovo sistema della RB, quei condotti che partono dalla parte bassa della zona cocacola sono regolari o no? Se ne parla tanto ma nessuno si sbilancia in un giudizio… Questa novità ha portato evidenti benefici alla RB! Se fosse dichiarata legale secondo voi sarebbe copiabile?

    • luciano

      27 Giugno 2012 at 15:30

      secondo me è illegale, usa il flusso s’aria sopra la vettura e lo incanala sotto… senz acontare che usa anche gli scarichi soffiati per aumentare la deportanza, secondo me è illegale, ma copiarlo non dovrebbe essere molto difficoltoso

    • kroky78

      27 Giugno 2012 at 16:47

      I canali di cui parli vengono sperimentati da Newey da inizio stagione e sono stati presenti in quasi tutte le gare e nessun team rivale si è mai lamentato, per cui non violano il regolamento. Il problema è che a forza di esperimenti ha trovato il sistema di riprodurre il diffusore soffiato nonostante tutte le limitazioni regolamentari. Per la Ferrari urge correre ai ripari e non sarà facile.

      • Roberto

        27 Giugno 2012 at 18:34

        Ok, ho capito il tuo ragionamento, direi che fila ma alla fine il diffusore soffiato è illegale e lui l’ha riprodotto. Boh, in ogni caso se i rivali non si lamentano significa che hai ragione…. Chissà se Mc Laren e Ferrari sapranno seguire lo stesso principio in tempi brevi. Vedremo

      • kroky78

        27 Giugno 2012 at 20:34

        è proprio quella la genialata! Pur rispettando il regolamento concepito apposta per rendere impossibile il diffusore soffiato (secondo la Fia) molte squadre sono riuscite a riprodurne l’ effetto. Sauber e Mclaren in primis poi anche Red Bull e Ferrari. Newey è però quello che ha massimizzato l’ efficenza avvicinandosi di più ai valori 2011.

      • luciano

        28 Giugno 2012 at 01:21

        da quando hanno usato le prese d’aria laterali, con il “buco” sotto il difurore piu grande, ci sono state lamentele(ed infatti è stato giudicato irregolare), e come funzionamento dovrebbe essere irregolare anche questo, le latre scuderie non hanno condotto che portano i gas di scarico sotto il diffusore..

  18. Ferrari the BEST fuck the rest

    27 Giugno 2012 at 12:03

    si sente di nuovo il borbottio in staccata… nn riuscivano a trovare la soluzione giusta e hanno rimesso gli scarichi soffiati….KE PALLE!!!!!!!!!!

  19. hero

    27 Giugno 2012 at 15:37

    la Red Bull di Vettel a Valencia faceva davvero paura,le prestazioni erano impressionanti,speriamo che non ricominci a fare come l’anno passato,altrimenti sarà dura per tutti!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati