Coronavirus, Ferrari dona ambulanza all’AUSL Modena

"Siamo uniti nella lotta contro questa pandemia con l'intera comunità medica”, si legge nel tweet pubblicato da Maranello

Il mezzo è un segno di riconoscimento per l'attività svolta dal personale sanitario in questo difficile momento
Coronavirus, Ferrari dona ambulanza all’AUSL Modena

La Ferrari, attraverso i propri canali social, ha ufficializzato la donazione di un’ambulanza all’azienda sanitaria locale di Modena. Un bellissimo gesto, quello operato dalla casa del Cavallino, per ringraziare il grande lavoro operato dal personale sanitario che lotta ogni giorno per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

“Un segno di riconoscimento per il lavoro straordinario che medici, infermieri e volontari svolgono ogni giorno: Ferrari ha donato un’ambulanza all’Azienda USL Modena per aiutare a combattere il coronavirus. Siamo uniti nella lotta contro questa pandemia con l’intera comunità medica”, il tweet pubblicato dalla Ferrari.

Maranello, insieme alle altre aziende e società gestite dalla famiglia Agnelli, ha donato 10 milioni di euro al Dipartimento della Protezione Civile. La Ferrari prevede la ripresa della produzione il prossimo 14 aprile, mentre quel che riguarda la Scuderia la fabbrica è stata chiusa lo scorso 19 marzo e riaprirà l’8 aprile.

Il team del Cavallino sta così sfruttando, come previsto dalla Federazione, i 21 giorni di stop forzato che vanno così ad anticipare e sostituire il tradizionale periodo di chiusura estivo.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Zac

    30 Marzo 2020 at 20:42

    In un solo giorno in Lombardia si è passati da un incremento di ottocentottantatre (+883) attualmente positivi a un decremento di trecentottantasei (-386).
    O’ Miracolo.
    Basta non fare i tamponi (da vivi o da morti) per non rientrare nella lista.

  2. Pingback: F1 | Coronavirus, Ferrari e i suoi clienti lanciano una raccolta fondi per il sistema sanitario modenese

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati