Raikkonen: “Impossibile fare di più dopo un inizio di gara come il nostro”

Raikkonen non riesce ad andare oltre l'11esima piazza a Monza, Grosjean chiude 8°

Raikkonen: “Impossibile fare di più dopo un inizio di gara come il nostro”

Solamente Romain Grosjean, con il suo ottavo posto, è riuscito a portare la E21 in zona punti al termine del GP d’Italia. Kimi Raikkonen ha chiuso, invece, 11esimo la sua gara e così un fine settimana sicuramente deludente per la Lotus.

“Quando ho perso l’ala anteriore, ho dovuto entrare ai box e fare un pit-stop in più rispetto a quelli programmati – ha spiegato Iceman -. Non si tratta solo del tempo perso ai box, ma anche di quello che poi impieghi in pista per recuperare”.

“La macchina andava bene e i dati erano buoni sabato. Purtroppo, dopo l’inizio di gara che abbiamo avuto era difficile fare molto di più”, ha concluso.

L’ottavo posto non soddisfa neanche Grosjean che si augura che “a Singapore la Lotus possa tornare al livello delle prestazioni di Budapest”.

Lorenza Teti

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

8 commenti
  1. Enri

    8 Settembre 2013 at 18:28

    Weekend da dimenticare per kimi, già in qualifica s’era complicato la vita. Irriconoscibile

  2. Mattia.

    8 Settembre 2013 at 18:30

    beh… l’errore in frenata è stato senza dubbio colpa sua, anche se Perez gli ha fatto perdere aderenza costringendolo a mettere le ruote fuori dall’erba… peccato davvero perché si poteva davvero fare bene 🙁

  3. Go-Ice

    8 Settembre 2013 at 19:22

    Effettivamente i giri veloci che Kimi ha fatto hanno dimostrato che la macchina era abbastanza competitiva anche se scaricando il serbatoio sono emerse le lacune (come in qualifica che si fa a macchina scarica) sul grip nelle S e sulla trazione visto che negli ultimi giri Hamilton andava molto più forte. Da una parte sono deluso per l’errore in frenata alla partenza con il tamponamento di Perez ma dall’altra ha dimostrato di voler attaccare fin dalla prima curva i diretti avversari e non come i precedenti gp dove si svegliava da metà gara in poi quando era ormai troppo tardi. Due 0 punti consecutivi non fanno bene neanche al morale ma spero che Singapore pur avendo basse temperature (gara notturna) essendo un circuito con più carico aereodinamico possa avvantaggiare i pregi della E 21 e le doti di Kimi. Sempre FORZA KIMI…!

  4. IcePack

    8 Settembre 2013 at 20:39

    forse Kimi dopo qualche soffiata sul futuro della Lotus sta già pensando alla prossima stagione e non da più il 100% …mi sembra strano il comportamente simile al GP come Monza , la macchina sicuramente è indietro coi sviluppi e questo demotiva ulteriormente Kimi…

    • mao13

      9 Settembre 2013 at 19:27

      …togli pure il forse!!! …secondo è il suo peggior diffetto se la macchina non và o sente che deve cambiare aria allora diventa solo un passeggiero!!!

  5. Filippo

    9 Settembre 2013 at 09:56

    E questo sarebbe il pilota che se andasse in Ferrari ridimensionerebbe Alonso… eh già.

  6. Roberto

    Rob-iceman

    9 Settembre 2013 at 10:15

    Non c’è stato nessun errore in frenata. Basta rivedere il cameracar di Kimi per vedere un Perez che gli taglia la strada da destra a sinistra chiudendolo sull’erba e costringendolo a frenare anticipatamente mentre aveva 2 ruote fuori. Nessuno a parlato della manovra di Perez invece che ha cambiato traiettoria in partenza più di una volta tagliando completamente la pista. Ma come sempre commentatori miopi o in malafede hanno il potere di influenzare le masse. Kimi non ha fatto nessun errore, anzi grazie al suo controllo ha pure evitato il peggio. Nessuno poteva evitare quel tipo di situazione. Ma qualcuno dovrebbe parlare a Perez perchè se non è diventato il nuovo Grosjean è solo per una questione di fortuna… Ma fa più comodo da parte di una certa frangia di Alonsiani, premere più su un fantasioso errore di Raikkonen…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati