Problemi finanziari per il team Renault di F1?

Problemi finanziari per il team Renault di F1?

Il team Renault di F1 potrebbe finire nelle mani di una banca lituana. Secondo il giornale The Evening Standard il team di Enstone, la cui maggioranza è detenuta attualmente dalla compagnia di investimenti Genii Capital, avrebbe chiesto un prestito consistente alla banca AB Snoras per far fronte al budget ridotto, conseguenza della perdita di sponsor come Muta Madrilena, Pepe Jeans e ING, dopo lo scandalo del crashgate.

“Non è chiaro quando sarà restituito il prestito ma è ovvio che se il team non riuscirà a restituire la somma, Snoran potrebbe prendere il controllo della squadra” si legge nell’articolo.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

6 commenti
  1. Gianni

    27 ottobre 2010 at 09:54

    viste le buone prestazioni del team in questa annata è possibile che la renault possa mettere un po di soldi dentro per appianare i debiti

  2. Ingenuo

    27 ottobre 2010 at 09:59

    Non credo i soldi che quest’anno guadagnerà servirà per coprire i debiti di quest’anno e dubito che la Genii Capital voglia imbarcarsi di nuovo in questa avventura forse rimarrà un altro anno almeno me lo auguro.

  3. ant

    27 ottobre 2010 at 11:28

    spero vivamente che rimanga, altrimenti un altro top team che esce dalla scena come fu per toyota…

  4. David

    27 ottobre 2010 at 14:52

    colpe dei Mafiosi Briatori e Alonso
    🙂

  5. iorek

    27 ottobre 2010 at 14:57

    lasciando perdere certe considerazioni (vedi david) penso che la renault ha un assegno in bianco in casa che si chiama kubika

  6. ZeroFighter

    27 ottobre 2010 at 22:49

    non ha importanza
    basta che si possa vedere lo spettacolo
    forza renault

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

Crescono i debiti della Lotus

Voci dal Lussemburgo li danno in salita verso i 200 milioni
Dopo diversi mesi di silenzio in merito alla situazione finanziaria della Lotus nuove e preoccupanti notizie giungono dal Lussembrugo. Secondo