Mercedes, Hamilton: “Il finale di stagione sembra scontato, ma può accadere di tutto”

L'inglese non si arrende: "Voglio vincere e farò di tutto per riuscirci"

Mercedes, Hamilton: “Il finale di stagione sembra scontato, ma può accadere di tutto”

In vista dell’ultimo appuntamento stagionale in programma domenica ad Abu Dhabi, Lewis Hamilton deve vincere… e sperare che Nico Rosberg termini la gara fuori dalla zona podio. Malgrado un’annata altalenante (condita da ottime prestazioni a cui hanno fatto alcune partenze a singhiozzo e vari guai tecnici) l’inglese non ha intenzione di partire sconfitto in vista del weekend che si disputerà sul tracciato di Yas Marina.

La prima vittoria colta in Brasile non la dimenticherò mai – ha dichiarato Hamilton – L’ho aspettata a lungo. Sono in un buono stato di forma grazie anche all’ottima macchina che i meccanici mi hanno fornito. Ho conquistato 31 vittorie in quattro anni con Mercedes: numeri a dir poco pazzeschi”.

Sono grato a tutti i ragazzi del team per le grandi soddisfazioni che ci siamo tolti, continueremo insieme a scrivere nuove pagine di storia. Per il sottoscritto non è stata una stagione perfetta e non sarà facile sovvertire il pronostico finale, ma ci proverò”.

Anche se il finale sembra scontato, può accadere di tutto. Qualsiasi cosa accadrà sono comunque orgoglioso dei traguardi raggiunti con il team in questi anni. Il mio stato d’animo in vista del weekend di Abu Dhabi è lo stesso di sempre: voglio vincere e farò di tutto per riuscirci”, ha concluso Hamilton.

Piero Ladisa 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. sebby

    21 Novembre 2016 at 18:51

    scrivete altre regole a tavolino con la fia, la storia fatela scrivere ad altri..

  2. BlackPanther

    21 Novembre 2016 at 22:49

    -Ehi voi chef del paddock club, avete dello zucchero?
    -Certamente!
    -Non è che potete darcene un paio di confezioni?
    -Ma a che vi serve?
    -Zavorra nel serbatoio.
    -Ah io non capisco questi sistemi ingegneristici, prendete pure!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati