L’impegno di Red Bull in F1 dipenderà dal successo in pista e dal successo commerciale

L’impegno di Red Bull in F1 dipenderà dal successo in pista e dal successo commerciale

L’impegno a lungo termine della Red Bull in F1 dipende dal successo in pista ed il valore commerciale del marchio, secondo quanto detto da Helmut Marko.

Il team austriaco ha battuto nelle ultime stagioni blasonati marchi esclusivamente dedicati all’auto, come Ferrari e McLaren.

“Quel che è divertente è che nelle ultime decadi, Ferrari e McLaren sono state acerrime rivali, ma da quando siamo arrivati noi a vincere, si sono molto avvicinate” ha detto Marko.

A parte questo, rimane la questione riguardante l’impegno a lungo termine di Red Bull.

“Non è totalmente vero. Dietrich Mateschitz ha detto che se non dovesse più funzionare, ci si potrebbe ripensare”.

“La F1 è uno strumento di marketing per la Red Bull, il che vuol dire che valutiamo sempre il risultato del nostro impegno. E deve sempre essere positivo”.

“Se c’è successo a lungo, non ci sono problemi” ha concluso.

Alessandra Leoni

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

22 commenti
  1. Francesco

    3 Dicembre 2011 at 09:21

    non so se avete capito?

    noi siamo la red bull e, come anche in molte altre discipline, possiamo permetterci di sfidare chiunque, anche i marchi più blasonati…

    arriviamo e spacchiamo il “c u l o” a tutti, nessun problema, tanto abbiamo un ritorno economico da PAURA!!!

    è vero, lo hanno fatto in molti sport dove possono permettersi, senza limitazioni economiche, di poter acquistare tecnologie e altro…

    diversa la cosa quando si tratta di acquistare la risorsa umana in senso stretto, che ne so, la squadra di calcio o di pallavolo o l’atleta di atletica piuttosto che di altre discipline individuali…

    lì in discorso si fa più complesso e la red bull non entra nemmeno in considerazione, della serie:

    TI PIACE VINCERE FACILE!!!???

    ma che l’abbiano clonato loro lo spot!!!???

    P.S.: ecco il motivo per cui è meglio dubitare del fuoco di paglia dei loro piloti!!!

    • Clary

      3 Dicembre 2011 at 11:11

      bisognerebbe ammirare chi investe tanto nello sport.. ce ne fosse di gente così

      • Francesco

        3 Dicembre 2011 at 11:26

        ammirare chi lo fa “onestamente”, non chi bara per voler primeggiare a tutti i costi per il rientro economico e di immagine, sveglia ragazzi!!!!
        ma non avevate mai sentito parlare di red bull prima????

      • Ciccio

        3 Dicembre 2011 at 15:39

        A stà gente dello sport importa poco o niente!

    • tifoso RB

      3 Dicembre 2011 at 12:17

      Cosa centrono i piloti,possibile ogni scusa e’buona per accusarli di un qualcosa.

      • Clary

        3 Dicembre 2011 at 13:30

        ogni scusa è buona per giustificare i propri fallimenti.. pure che Vettel sia un mediocre.. brutta l’invidia

    • Sembee

      3 Dicembre 2011 at 14:52

      Complimenti! Hai condensato una serie tale di baggianate tutte in un solo thread da ammirarti guarda…
      Brutta cosa l’invidia e l’antisportività: onore al merito, Red Bull ha stravinto per KO tecnico, per manifesta superiorità tecnica.

      La vera risorsa umana è l’ingegnere, altro che gli “sport” come il calcio, da te citati.

      E sia a livello di direttore tecnico, che a livello di team complessivo, Red Bull al momento è di gran lunga il fuoriclasse.

      • Enzo

        3 Dicembre 2011 at 22:13

        Ha vinto barando su tutti i fronti mio caro ” tifoso ” dei bibitari.

    • Mattia

      3 Dicembre 2011 at 17:43

      A dir la verità la Red Bull ha investito anche nel calcio, prima con il Salisburgo (nel 2005 come quando ha iniziato con la Formula 1 non solo da mero sponsor) e poi con la squadra di New York (e forse anche con altre squadre).

    • stefano

      3 Dicembre 2011 at 18:24

      Vincere facile?Ma ragazzi vi rendete conto?Alcuni di voi mi sembrano come alcuni tifosi di certe squadre di calcio.Quando vince la loro squadra e’ sempre una vittoria limpida e meritata,quando vincono gli altri e’ perche’ rubano.Quando la Ferrari ha vinto titoli a ripetizione nessuno si e’ permesso di dire nulla..anzi onore ad un gruppo di persone che hanno dominato in lungo ed in largo.Pero’ quando vincono gli altri..ragazzi e’ dura sentir dire..bravi se lo sono meritato:una volta si sospetta di Glock che ha fatto passare apposta Hamilton,l’anno scorso e’ stata colpa di Petrov..poi il buco della Brawn..quest’anno la storia del budget sforato..ci sono revisori che controllano..se han detto che va bene bisogna accettare..altrimenti se non vi va bene guardate un altro sport.E non ascoltare solo la campana che piu’ ci piace.

      • tifoso RB

        3 Dicembre 2011 at 18:30

        Straquoto 😛

      • Sembee

        3 Dicembre 2011 at 19:26

        In summa, condensi il mio pensiero.
        Tifo per Hamilton, ma sarebbe da pazzi non riconoscere la bravura immensa di tutta la Red Bull, non solo di Newey e Vettel.
        Spettacolari ed immensamente bravi, anzi, merito doppio vista la giovane storia del team e il background automobilistico precedente pari a zero. Non è una colpa, anzi, è un altro motivo di lode.
        Per chi è sportivo, s’intende.

      • Enzo

        3 Dicembre 2011 at 22:17

        Non sono sospetti su Glock , ma certezza , come certezza è la vittoria di webber in brasile con complice la squadra al muretto trattenendo vettel x 5 secondi al pit stop
        e poi con la sceneggiata del cambio. Ma x favore andate ad incantare le scimmie.

      • MicroIce (tifoso RedBull Racing)

        4 Dicembre 2011 at 19:40

        Abbi pazienza Stefano: sono tifosi italiani……

      • Francesco

        4 Dicembre 2011 at 23:17

        Silverstone è stato probabilmente il miglior GP per noi – ha scritto Marc Genè su “El Mundo”.

        Quel periodo ci ha fatto sognare e pensare di poter arrivare vicino a Sebastian Vettel, ma purtroppo non è stato possibile.

        I diffusori soffiati sono stati l’invenzione che ha reso la stagione difficile per qualsiasi squadra.

        “Posso assicurare che la differenza tra correre con o senza scarico è brutale quando si tratta di aderenza sull’asfalto.”

        Ti permette di correre molto più velocemente in ogni curva. Spero che la prossima stagione siano tutti uguali a livello di vantaggi”.

        “Il fatto di aver vinto a Silverstone con Alonso senza scarichi soffiati mi fa pensare che la nostra macchina non era così male e che non c’è alcun motivo per cui non possiamo essere competitivi il prossimo anno. Il design della Ferrari sarà più aggressivo e innovativo, e spero che si tradurrà in risultati quando andremo in pista”.

        …e non aggiungo altro…

  2. Red john

    3 Dicembre 2011 at 10:18

    Alessandra leoni, scusa ma non era stato postato un articolo IDENTICO?

  3. Dekracap

    3 Dicembre 2011 at 10:36

    ‘nfatti….

  4. Red john

    3 Dicembre 2011 at 16:34

    REDAZIONEEEEE io aspetto ancora una risposta! non dimentico facilmente

  5. tifoso RB

    3 Dicembre 2011 at 18:34

    Si ma non lafare troppo lunga.Io non so cosa ti sia accaduto ma delle volte prima di offendersi basta guardare chi fa,o chi dice, certe cose non credi?

    • Red john

      3 Dicembre 2011 at 21:06

      tifoso rb, mi dispiace ma mi sono scocciato, 7 tifoso vettel mi sembra si chiami, ma ora la redazione deve intervenire, anche perchè lo ha già fatto in passato!

  6. Francesco

    4 Dicembre 2011 at 23:15

    Silverstone è stato probabilmente il miglior GP per noi – ha scritto Marc Genè su “El Mundo”.

    Quel periodo ci ha fatto sognare e pensare di poter arrivare vicino a Sebastian Vettel, ma purtroppo non è stato possibile.

    I diffusori soffiati sono stati l’invenzione che ha reso la stagione difficile per qualsiasi squadra.

    “Posso assicurare che la differenza tra correre con o senza scarico è brutale quando si tratta di aderenza sull’asfalto.”

    Ti permette di correre molto più velocemente in ogni curva. Spero che la prossima stagione siano tutti uguali a livello di vantaggi”.

    “Il fatto di aver vinto a Silverstone con Alonso senza scarichi soffiati mi fa pensare che la nostra macchina non era così male e che non c’è alcun motivo per cui non possiamo essere competitivi il prossimo anno. Il design della Ferrari sarà più aggressivo e innovativo, e spero che si tradurrà in risultati quando andremo in pista”.

    …e non aggiungo altro…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati