John Howett potrebbe assumere un ruolo nella FOTA

John Howett potrebbe assumere un ruolo nella FOTA

John Howett potrebbe assumere un ruolo nell’organigramma della FOTA, l’associazione dei team di Formula 1. L’inglese è stato presidente del team Toyota di F1 e vicepresidente dell’alleanza delle squadre fino all’addio della casa giapponese alla fine del 2009.

Quando Howett lascio’ la F1 la FOTA lodò la sua “grande passione” e il suo ruolo nelle trattative politiche che allora minacciavano di sfociare in un campionato alternativo.

Secondo indiscrezioni si è appreso che Howett sarebbe ora in lizza per il ruolo di segretario generale, al momento occupato da Simone Perillo.

Martin Whitmarsh della McLaren ed Eric Boullier della Renault sono al momento i due presidenti della FOTA. L’arrivo di Howett coinciderebbe con le trattative dei team per la negoziazione di un nuovo Patto della Concordia con la FIA e Bernie Ecclestone.

Ma nonostante le voci della possibile cessione della F1 da parte di CVC, il CEO della categoria regina, Bernie Ecclestone, ha minimizzato l’importanza dei prossimi mesi: “La questione è semplice. Se non ci sarà un Patto della Concordia non sarà molto diverso. In tutti gli accordi diciamo all’altra parte quanto pagheremo. Se non ci sarà un Patto della Concordia organizzeremo comunque il campionato e pagheremo probabilmente i team molto meno di quello che percepiscono ora”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

8 commenti
  1. quickest

    15 Luglio 2011 at 18:26

    mi domandavo dove fosse finito. Ma cosa sta facendo al momento?

  2. Fabrizio

    16 Luglio 2011 at 13:04

    Ragazzi,alla fine gira e rigira chi esce dalla porta rientra dalla finestra.A mio parere gente che ha diretto entita’ come Toyota o BMW dovrebbe essere lasciato a casa per incapacita’.O se volete per la capacita’ di sprecare soldi.Ci manca solo che torni Theissen e siamo al completo

  3. Franco

    16 Luglio 2011 at 20:34

    Ma Simone Perillo a questo punto cosa farà? A quanto pare la FOTA reggeva fino adesso graze a lui…

  4. sc

    17 Luglio 2011 at 17:18

    x fabrizio.
    guarda che theissen fino a qualche anno fa ha ottenuto degli ottimi risultati con il team bmw nel wtcc…non è poi così scarso..
    Il problema che ha portato la bmw all’ abbandono è stato il cambiamento dei regolamenti nel 2009 che praticamente ha annullato i progressi che il team tedesco stava facendo fino al 2008…

    • sc

      17 Luglio 2011 at 17:19

      per quanto riguarda la toyota invece il discorso è diverso…

      • fabrizio

        17 Luglio 2011 at 18:31

        Tranne che la Ferrari e la McLaren(che sono costruttori di vetture stradali ad altissime prestazioni ed hanno comunque una storia che le rende presenze insostituibili in F1)i Costruttori generalisti vanno in F1 per farsi pubblicita’.La decisione viene presa dal marketing..se i risultati che ottieni nel tempo sono scarsi la pubblicita’ diventa negativa per il marchio quindi tanto vale chiudere l’avventura e destinare quel budget per altre attivita’ di marketing.Poi ovviamente le Case motivano le scelte come meglio credono..non possono certo dire”andiamo via perche siamo delle ciofeche”.

        Ci sono poi Case che ciclicamente entrano ed escono(vedi Renault)lasciando comunque sempre attivi i poli di ricerca e sviluppo in modo da trovarsi gia pronti nel momento del rientro.

    • fabrizio

      17 Luglio 2011 at 18:15

      Theissen ha ottenuto ottimi risultati nel WTCC?Le vetture non erano gestite da Theissen(lui era a capo del MOTORSPORT) ma da team privati e poi BMW nel WTCC ed ETCC ha sempre vinto anche prima..e poi qui parliamo di F1…sul fatto che BMW si sia ritirata per il cambio di regolamenti beh…penso non sia proprio cosi…Theissen ha pagato delle scelte pessime(fu l’unico ad inizio 2009 a votare perche’ il KERS rimanesse pensando di averne uno eccezionale…Kubica non lo usava mai,Heidfeld lo usava perche’ costretto dal Team).Per sviluppare quel KERS vennero spese cifre con le quali Minardi faceva due stagioni complete in F1.Nel 2009 costruirono praticamente tre versioni di vettura prima di trovarne una che andasse decentemente.E la stagione ormai era finita.E ricorda il..peccato originale…Per puntare tutto sul 2009 dove secondo Dr.T(come lo chiamavano in BMW)la casa bavarese avrebbe dovuto stravincere,bloccarono lo sviluppo della vettura 2008 dopo Montreal con Kubica in testa al mondiale perche’ l’obbiettivo di quell’anno(vincere almeno una gara)era stato raggiunto.Il tutto si e’ tradotto in una pubblicita’ negativa per BMW soprattutto nel mercato tedesco(BMW poteva perdere da Ferrari,Renault ma non da Mercedes)ed il Consiglio di Amministrazione ha chiuso i rubinetti.

    • fabrizio

      17 Luglio 2011 at 18:18

      Theissen era bravissimo a livello politico.Fece fuori Berger con il quale condivideva la responsabilita’ ai tempi della Williams diventando il capo unico del Motorsport BMW.Fosse rimasto Berger di sicuro BMW avrebbe vinto il mondiale.(basta vedere a che livelli era arrivata la TORO ROSSO nel 2008).

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

La FOTA verso lo scioglimento

Pesano gli addii di Red Bull e Ferrari
L’associazione dei team di F1, la FOTA, sarebbe avviata verso lo scioglimento. E’ quanto sostiene il giornale Telegraph, rivelando che