Hamilton: “Vogliamo essere la squadra che domina”

"Dobbiamo migliorarci sull'affidabilità"

Hamilton: “Vogliamo essere la squadra che domina”

Settima vittoria stagionale per Lewis Hamilton al Marina Bay di Singapore.
Un primo posto che finalmente consegna al britannico il tanto anelato vantaggio in classifica generale ai danni del compagno di squadra Rosberg. Sono solo 3 punti al momento, ma che con cinque gare al termine pesano come l’oro, soprattutto psicologicamente.
Il pilota della Mercedes è scattato dalla pole position in solitaria, con Rosberg che ha preso il via dalla pit lane a causa di un problema elettronico, e ha proseguito quindi la sua corsa verso la vittoria senza commettere errori. Concentrato a non consumare la gomma più morbida dopo il secondo pit stop e a macinare vantaggio sugli avversari che montavano la mescola dura, Hamilton è quindi rientrato per l’ultimo cambio gomme: tornato in pista con la gomma fresca si è subito ripreso la testa del gruppo su Vettel, mantenendola poi fino alla bandiera a scacchi.

“Sono arrivato qui sperando davvero di riuscire a guadagnare quei sette punti quindi tutto quello che è arrivato in più oggi è di grande aiuto per me. Il ritiro di Nico però non è il primo per il Team e noi vogliamo continuare portando a casa delle doppiette”, ha commentato Hamilton a fine gara, esternando comunque il proprio disappunto per il ritiro del compagno di squadra.

“So che il Team non sarà felice al cento per cento oggi perché non è stata una vittoria collettiva: vogliamo essere la squadra che domina tutti insieme, quindi dovremo rimetterci al lavoro per capire che cosa è andato storto in questo senso. Altri Team stanno diventando più affidabili quindi questa è sicuramente un’area dove dobbiamo migliorarci”, ha proseguito il pilota Mercedes, sottolineando come l’affidabilità sia ancora un punto dolente delle Frecce d’Argento.

“Ieri in Qualifica eravamo tutti talmente vicini che non sapevo cosa avrei dovuto aspettarmi oggi, ma dopo la bellissima gara di Monza sapevo che la nostra macchina sarebbe stata competitiva qui. Chiaramente so che con Nico in gioco sarebbe stata una dura lotta fianco a fianco”, ha concluso Hamilton.

Nina Stefenelli

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

13 commenti
  1. maxxi60

    21 Settembre 2014 at 20:47

    Ti piace vincere facile………….adesso non se piu incaxxato vero?.

    • Doesntmatter72

      22 Settembre 2014 at 18:14

      Beh, un po’ di giustizia in questo mondo ci vuole!

    • biker

      23 Settembre 2014 at 12:34

      “Facile! se ti sembra facile quello che fa fallo!!!

  2. Jarno

    21 Settembre 2014 at 20:59

    Ma dove sono finiti tutti quelli che parlavano di un complotto ai danni di Lewis e a favore di Nico?

    • walterc

      22 Settembre 2014 at 01:40

      Mai detto che Rosberg sia un raccomandato. Bravo pilota. E poi basta con il passato di Hamilton. Le persone crescono maturano e migliorano..

  3. walterc

    21 Settembre 2014 at 21:11

    I numeri parlano da soli. Tre ritiri per Hamilton due per Rosberg… ed è avanti di tre punti. Sette vittorie contro quattro. Nessuna sbavatura con dritti dubbiosi o toccate che provocano forature. Nessuna polemica. Sta guidando e sta dimostrando grande professionalità e talento.

    • Capitan red

      21 Settembre 2014 at 23:25

      3 ritiri contro 2?…cioè in Canada Rosberg è bravo a gestire la macchina con lo stesso problema di Hamilton arrivando 2°…Hamilton la rompe con la sua irruenza (dopotutto basta leggere il titolo di questo articolo)…i numeri parlano la lingua che uno vuole basta interpretarli a proprio piacimento.

      Hamilton in tutta la sua carriera ha guidato per le scuderie più importanti della F1 portando a casa 1 mondiale vinto all’ultima curva contro Massa….adesso guida la macchina più forte e ha 3 punti di vantaggio su uno che dite sia un raccomandato….anche questi numeri parlano da soli.

      • Dede

        22 Settembre 2014 at 00:01

        Raccomandato proprio no, ha dominato dai kart passando poi per le formule minori sino alla F1 dove al primo anno ha dato paga a diversi piloti esperti (su tutti un certo Alonso tanto osannato che pero’ proprio tanto meglio di lui non era), ha vinto un mondiale “all’ultima curva” e si sarebbe ripetuto se non avesse avuto una McLaren con un affidabilità pari a 0 qualche anno dopo.
        Hamilton unico vero pilota che da spettacolo.

      • Doesntmatter72

        22 Settembre 2014 at 09:49

        In canadail problema meccanico era simile ma non identico…

        E poi ci sono stati anche due guasti (ai freni e al motore) durante le qualifiche per Hamilton, che, nonostante la scorrettezza del Belgio è leader…

  4. mariosol

    22 Settembre 2014 at 10:24

    Hamilton = Bianchi. Se non hai la macchina, vali poco. Invertiamo le parti: Hamilton su una Marussia e Bianchi su una Mercedes. Risultato?
    Bianchi un fenomeno, Hamilton un pilota comune.
    Ok?
    saluti

  5. Capitan red

    22 Settembre 2014 at 12:29

    quando a vincere a mani basse per un ritiro di Rosberg è Hamilton si snocciolano numeri per dimostrare quanto sia bravo….quando a vincere a mani basse è Rosberg qui si grida al complotto…lo trovo poco coerente.

    • walterc

      22 Settembre 2014 at 13:43

      Il fatto che Rosberg sia un bravissimo pilota no fa altro che aumentare le doti di Hamilton che comunque riesce a stare davanti.

    • Doesntmatter72

      22 Settembre 2014 at 18:16

      È coerente con il fatto che quando i due si sono trovati in pista insieme, Hamilton abbia dimostrato di valere di più del compagno.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati