Hamilton: “Una delle mie vittorie più importanti”

L'inglese più ottimista sulla gestione delle gomme in gara

Hamilton: “Una delle mie vittorie più importanti”

Lewis Hamilton ha dichiarato che quella ottenuta al GP Ungheria è una delle vittorie più importanti della sua carriera. L’inglese ha vinto la sua prima gara al volante della Mercedes a Budapest sfruttando la sua terza pole consecutiva.

“Non abbiamo provato nei test, eravamo indietro quando siamo arrivati qui, non ci aspettavamo di essere in pole e ne siamo rimasti sorpresi” ha dichiarato Hamilton dopo la gara. “Penso sia probabilmente una delle vittorie più importanti della mia carriera. Arrivare in un nuovo team e vincere con Mercedes-Benz è un grande privilegio, i ragazzi hanno fatto un lavoro fanastico. E’ una sensazione incredibile e il team ha fatto un lavoro incredibile. Abbiamo studiato molto ieri sera, sperando che le gomme funzionassero per noi. Non avevo idea che sarebbe andata bene, negli ultimi 20 minuti ho gestito le gomme e la gara. Penso si possa dire che ero affamato oggi. Dovevo passare più piloti possibile, di solito resto bloccato ma non oggi, ho provato ogni sorpasso possibile. Dobbiamo lavorare ancora duramente, non si sa mai come andranno le gomme altrove. Ma se siamo riusciti a farle durare oggi, dovremmo essere in grado di farlo ovunque”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

21 commenti
  1. Potter

    28 Luglio 2013 at 17:09

    Sei immenso! se nelle prossime gare queste dannate gomme non si usurano come in questa gara,allora il titolo non è poi cosi lontano… Cmq era previsto che quando lewis si adattava alla macchina x rosberg non c’era scampo…

    • stefanoabbadia

      29 Luglio 2013 at 07:50

      Grande Hamilton,
      qualifica stupenda, gara al 100% dal primo giro con massima concentrazione e lucidità.
      rimango della mia idea:
      1° Hamilton 2° a pari merito Alonso con Raikkonen, 3° Vettel, questa è la mia graduatoria riguardo i piloti…
      Ieri ho cvisto un Hamilton decisissimonei sorpassi su un circuito ad essi ostico, un Alonso restio nel farsi superare anche da vetture superiori..un Massa che..beh…gli passavano anche sopra!!!!

  2. Samuele

    28 Luglio 2013 at 17:16

    GRANDISSIMO LEWIS !!! CATTIVISSIMO ALLA GUIDA, SORPASSI DECISISSIMI, E SENZA DRS. E QUANDO ERA IN TESTA NON LO PRENDEVA NESSUNO. E ora qualche pensierino più grande lo si può fare, perché ora con la macchina si trova bene, e la vettura è anche competitiva in gara…

    P.S: Che Alonso impari da lui, piuttosto che lamentarsi e basta…

  3. IcePack

    28 Luglio 2013 at 17:20

    mah come si dice una rondine in cielo non fà primavera , io non credo che ma Mercedes e i piloti possono cambiare l’ esito del campionato mondiale..Vettel non si lascia abbagliare da una vittoria…

    • ale

      28 Luglio 2013 at 17:34

      ti sbagli, metti Hamilton sulla Ferrari, dagli qualche giorno per comunicare agli Ing. cosa vorrebbe per guidarla in un certo modo e poi vediamo

      • Max Bassanet

        28 Luglio 2013 at 20:05

        non esagerare.

  4. carlopower

    28 Luglio 2013 at 17:31

    Davvero bravo Hamilton e stata una vittoria inaspettata,la mercedes non ha avuto degrado delle gomme in questo tracciato con le alte temperature.

    • ale

      28 Luglio 2013 at 17:33

      te l’avevo detto che ti sbagliavi

      • carlopower

        28 Luglio 2013 at 17:38

        Pensavo che sarebbe finito nelle retrovie per colpa del degrado gomme invece niente degrado,comunque complimenti a lewis se la meritava questa vittoria.

  5. ale

    28 Luglio 2013 at 17:36

    In Belgio dovranno tutti fare i conti con Raikkonen, e Alonso probabilmente tirerà fuori le unghie

    ma….Hamilton sarà li, costantemente all’attacco e veloce

  6. hamilton90

    28 Luglio 2013 at 17:37

    vittoria straripante di hamilton…quando tutto funziona(gomme e affidabilita) hamilton dimostra di essere il n1 indiscusso….si è preso con cattiveria,telento,forza quello che la sfortuna gli aveva tolto a silverstone…e adesso andiamolo a prendere il biondino..
    GRAZIE PER QUESTA GIOIA INCREDIBILE CHE MI HAI REGALATO LEWIS

  7. Lollo.86

    28 Luglio 2013 at 17:40

    Hamilton con questa vittoria a messo in luce la sua classe. Una buona possibilità di vittoria l’ha messa assegno ieri ottenendo quella pole-position inaspettata.
    Comunque bisogna dire è incredibile come le cose siano cambiate tra Mercedes e McLaren con l’entrata e uscita di Hamilton.
    O Hamilton a saputo vedere giusto in entrambi i casi e ha fatto una scelta strategica incredibilmente astuta, oppure la presenza di un pilota come lui riesce ancora a fare una grande differenza in termini di motivazione, sviluppo, spirito agonistico, risultati.

    • Potter

      28 Luglio 2013 at 18:06

      Lollo hai assolutamente ragione,ti ricordo anche nel 2007 con l’entrata di lewis in F1 la mclaren divento competitiva subito,l’anno precedente andò malissimo nel 2006,io penso che il pilota conta molto nello sviluppo di una monoposto..

      • Lollo.86

        28 Luglio 2013 at 18:42

        Nel 2007 la McLaren aveva due ottimi piloti. Alonso fresco bicampione e Hamilton un debuttante, ma con una classe inaspetta per la maggior parte del settore.
        La vera classe di Hamilton nel saper sviluppare una vettura, la si è vista nel 2009, anno davvero brutto sotto l’aspetto competitivo per il team. Nonostante le difficoltà, Lewis in quell’anno riuscì a vincere due gare, gp Ungheria e il gp di Singapore.
        È vero che il pilota non costruisce una monoposto, ma non ci scordiamo che gli ingegneri sviluppano una vettura sotto il loro consiglio. E laddove non riescono loro, è il pilota che ci mette tutta la sua classe per recuperare il gap nei confronti degli avversari.

    • ale

      29 Luglio 2013 at 08:48

      estremamente d’accordo con entrambi, i fatti parlano chiaro, Alonso invece non è riuscito a fare lo stesso in Ferrari (anche se nel 2012 meritava lui il mondiale secondo me)

      ho l’impressione che gli ingegneri adesso (molto ma molto più di prima) analizzino tutto il comportamento macchina con i numeri e la dinamica (anche l’aerodinamica è analizzata con i numeri) della vettura, l’elettronica, ma monitorano anche l’interazione pilota-macchina, ricordo bene che ai tempi di Barnard in Ferrari iniziarono a fare infinite simulazioni incrociando dati di come il pilota affrontava le varie procedure di guida (frequenza di correzioni sul volante rispetto alla gestione dell’accelerazione, tipo di frenata, gestione dei rimbalzi del posteriore, accelerazione, correzioni e micro-correzioni, cambi traiettoria imprevisti ecc…) e se non erro la stessa cosa la ripropose la McLaren proprio nel 2007 (con un mostro-computer) e ciò fece capire subito quanto Hamilton fosse davvero un fenomeno (specialmente in frenata e nei cambi di traiettoria medio-veloci), ad es. Alonso lo descrissero come un mago nelle curve lente e lentissime dove il carico aerodinamico è inferiore, mentre Hamilton uno stra-fenomeno nelle velocità medie (150-200 Km/h) dove ci vuole coraggio a mantenere giù il piede con 3-4 G di accelerazione laterale (vedi Spa o simili)

  8. Max Bassanet

    28 Luglio 2013 at 20:06

    complimenti a lewis per la strameritata vittoria.

  9. Controaltare

    29 Luglio 2013 at 14:04

    Benchè ci sia sempre qualche scettico, non era difficile prevedere una vittoria di Hamilton, su un tracciato simile a Montecarlo dove già la Mercedes aveva dominato, in Ungheria era difficile superare quindi fare la poole equivaleva ad una mezza vittoria, Levis aveva solo bisogno che la mala sorte lo lasciasse in pace, certo le gomme hanno resistito bene al caldo, ma non penso si possa dire che la Mercedes è favorita sui prossimi circuiti veloci, vedrete che lì tornerà in auge la Ferrari con la sua capacità di fare tanti sorpassi in gara e recuperare così il terreno perso in qualifica, ne vedremo ancora delle belle…

  10. Ele (mclaren)

    29 Luglio 2013 at 14:14

    ..eccola che è arrivata la prima vittoria di Lewis in Mercedes…fantastica vittoria!!!
    strameritata!
    gioia infinita!…sei un grande Lewis…il nr. 1…
    Spero che a Spa possa ripertiti e perchè no anche a Monza…incrociamo le dita!

  11. Gianca

    29 Luglio 2013 at 18:27

    Appoggiato da una super mercedes, molto bravo, aggressivo bello, da vedere, questa tra l’altro probabilmente è la sua pista preferita, come gli han detto i suoi tecnici il suo ufficio

    • ale

      29 Luglio 2013 at 23:04

      ma quale super Mercedes?? il valore della macchina è quello che ha espresso Rosberg

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati