GP India: Vettel in pole, Alonso quinto

Prima fila Red Bull, poi le McLaren

GP India: Vettel in pole, Alonso quinto

Sebastian Vettel ha conquistato la pole position nelle qualifiche del GP India di Formula 1. Il campione del mondo ha preceduto il suo compagno di squadra della Red Bull, Mark Webber, e le due McLaren di Lewis Hamilton e Jenson Button. Quinta posizione in griglia per la Ferrari di Fernando Alonso davanti all’altra Rossa di Felipe Massa.

In Q3 Hamilton è stato il primo a scendere in pista, imitato poco dopo da Vettel, Alonso, Rosberg, Maldonado. Tutti con gomme soft. L’inglese è stato autore di due intermedi non esaltanti con errori in frenata e ha deciso di abortire il suo primo giro lanciato. Errore anche per Vettel, finito largo sull’erba. Alonso ha segnato il primo tempo di riferimento in 1.25.773. Webber ha fatto meglio girando in 1.25.327 mentre Hamilton al suo secondo passaggio con lo stesso set ha girato in 1.26.007. Vettel ha invece deciso di rientrare ai box per montare un nuovo set di gomme soft Pirelli.

Negli ultimi 4 minuti sono scesi in pista anche Rosberg, Perez, Raikkonen, Button, Maldonado e Massa. Perez ha fatto segnare il quarto tempo alle spalle di Hamilton e davanti a Maldonado. Poco dopo Raikkonen si è inserito in quarta posizione ma Button ha scavalcato Alonso in seconda posizione.

Nel suo secondo run Vettel ha girato in 1.25.283 facendo segnare il miglior tempo mentre Massa è stato autore di un primo giro non esaltante con il nono tempo. Il brasiliano però nel secondo passaggio ha fatto segnare il miglior parziale nel primo tratto ma non è andato oltre il quinto tempo. Nel finale Hamilton ha fatto segnare il terzo tempo davanti a Button e Alonso.

Vettel ha così conquistato la pole davanti al suo compagno di squadra per un’altra prima fila tutta Red Bull. Tra il tedesco e il suo rivale per il titolo, Alonso, anche le due McLaren.

Kimi Raikkonen con la Lotus è settimo davanti alla Sauber di Sergio Perez e alla Williams di Pastor Maldonado. Nico Rosberg chiude la top 10 con la Mercedes.

Fuori in Q2 Romain Grosjean (Lotus), 11mo davanti a Nico Hulkenberg (Force India) e Bruno Senna (Williams), Michael Schumacher (Mercedes), solo 14mo davanti alla Toro Rosso di Daniel Ricciardo e alla Force India di Paul di Resta. Eliminato in Q2 anche Kamui Kobayashi, solo 17mo.

Subito fuori in Q1 Jean-Eric Vergne con l’altra Toro Rosso, 18mo davanti alle due Caterham di Vitaly Petrov ed Heikki Kovalainen, la Marussia di Timo Glock, le due HRT di Pedro de la Rosa e Narain Karthikeyan. Ultimo Charles Pic con la Marussia.

F1 GP India – Risultati qualifiche e griglia di partenza

Pos  Pilota                Team                 Tempo     Gap   
 1.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault     1m25.283        
 2.  Mark Webber           Red Bull-Renault     1m25.327  + 0.044
 3.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes     1m25.544  + 0.261
 4.  Jenson Button         McLaren-Mercedes     1m25.659  + 0.376
 5.  Fernando Alonso       Ferrari              1m25.773  + 0.490
 6.  Felipe Massa          Ferrari              1m25.857  + 0.574
 7.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault        1m26.236  + 0.953
 8.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari       1m26.360  + 1.077
 9.  Pastor Maldonado      Williams-Renault     1m26.713  + 1.430
10.  Nico Rosberg          Mercedes             no time
11.  Romain Grosjean       Lotus-Renault        1m26.136s  + 0.701
12.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercede  1m26.241s  + 0.806
13.  Bruno Senna           Williams-Renault     1m26.331s  + 0.896
14.  Michael Schumacher    Mercedes             1m26.574s  + 1.139
15.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari   1m26.777s  + 1.342
16.  Paul di Resta         Force India-Mercede  1m26.989s  + 1.554
17.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari       1m27.219s  + 1.784
18.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari   1m27.525s  + 1.477
19.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault     1m28.756s  + 2.708
20.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault     1m29.500s  + 3.452
21.  Timo Glock            Marussia-Cosworth    1m29.613s  + 3.565
22.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth         1m30.592s  + 4.544
23.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth         1m30.593s  + 4.545
24.  Charles Pic           Marussia-Cosworth    1m30.662s  + 4.614

GP India: Vettel in pole, Alonso quinto
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

102 commenti
  1. Alberto

    27 ottobre 2012 at 12:30

    Sara’ la solita gara in stile 2011, redbull davanti, forse hamilton secondo o button, alonso quarto o quinto difficilmente andra’ sul podio servirebbe un KO mclaren.

    • MR. BUSINESS

      27 ottobre 2012 at 15:02

      non credo penso, secondo me le mclaren alla fine o vanno a insidiare vettel o vanno dietro le ferrari

  2. Sembee

    27 ottobre 2012 at 12:38

    Chissà se Alonso avrà “analizzato bene i dati”, come diceva ieri 😀 …

    Battute a parte, distacchi pesantissimi per la Ferrari, Red Bull e McLaren nettamente davanti.

    Però la gara è domani, aspettiamo l’esito del GP prima di trarre conclusioni.

  3. The.Next

    27 ottobre 2012 at 12:44

    Alonzooooooooooooooooo

  4. Walter76

    27 ottobre 2012 at 12:54

    Avete notato i colori delle prime tre file?!Quanto conta il pilota in questa qualifica?!…non aggiungo altro

  5. Cris

    27 ottobre 2012 at 13:02

    Addio sogni di gloria (rimpiango amaramente la coppia Raikkonen-Massa)

  6. alexalesi

    27 ottobre 2012 at 13:34

    Ogni tanto un bravo a chi le guida le 2 REDBULL lo si potrebbe fare..

    Saranno in questo momento le amcchine migliori o un capellino superiori, ma non vanno telecomandate.

    La mancanza di rispetto che WEBER e VETTEL ricevono dalla tifoseria e dal giornalismo italiano sono sconcertanti..

    Però se poi uno si permette di criticare ALONSo.. è una anti-alonso.. un anti-ferrari.

    Massa era piu veloce nel l’ultimo laps è stato evidente a tanti..

    Però MAZZONI l’insinuazione che WEBER l’abbiano bloccato al box la può fare… se si dice lo stesso su MASSA siamo scorretti..

    2 pesi e 2 misure..

    VETTEL vince perchè è un campione, il resto sono chiacchiere..

    • vettelthebest moderato a dispetto del nick

      27 ottobre 2012 at 15:45

      Degli incompetenti RAI me ne sono liberato da un pezzo. Seguo tutto con lo streaming, mi sono adattato. Miglioro anche il mio inglese in questo modo.

  7. Strige

    27 ottobre 2012 at 14:11

    Va beh, mi sa che sti 370€ alla snai non li vinco più. Ho messo alonso campione del mondo a inizio anno, ma mi sa che ho toppato in pieno.

    Pazienza.

    Una considerazione: Non vorrei che alonso abbia perso la voglia di vincere, sono tre/quattro gp che massa gli sta davanti o subito dietro (giappone forse, singapore sicuramente, qui sembra sulla stesso tempo). Solitamente Alonso dava minimo 3-4 decimi a massa., mentre sono un paio di gare dove non riesce a staccarlo più di tanto.

    Può essere che abbia mollato mentalmente? no perchè con due/tre decimi in meno sarebbe stato in terza posizione e non era male. Infatti in parte concordo con domenicali che la ferrari sicuramente non era la migliore, ma da seconda fila sicuramente (almeno con una vettura).

    • vettelthebest moderato a dispetto del nick

      27 ottobre 2012 at 15:50

      A proposito di giocate, Alonso era da giocare in Malesia quando era pagato 33 volte la posta. E dire che ad un mio amico dissi che sarei andato a giocarlo; poi per pigrizia non ci sono più andato.
      Mi crea un po’ di rammarico questa cosa.

      • Strige

        27 ottobre 2012 at 16:10

        beh prima della gara di singapore, vettel era dato a 6, adesso non ricordo di preciso, con un 50one avrei vinto circa più 300 euro… u_u e non l’ho fatto.

      • anonima tifosa vettel

        27 ottobre 2012 at 16:26

        se quest’anno il titolo costruttori e pilota lo vince Vettel e la RB,sono 3 anni di fila che vinco la scomessa.Con una sola differenza io gioca la schedina all’inizio della stagione. 😉

      • Strige

        27 ottobre 2012 at 19:22

        schedina? io vado alla snai a inizio anno e scommetto su chi è il campione del mondo 😀

        Solitamente a metà anno non scommetto mai.

    • quickest

      27 ottobre 2012 at 22:18

      Ciao Strige. Mi ricordo che ad inizio anno la scommessa l’hai postata. Era gia’ al tempo dei tests e si discuteva sul fatto se in Ferrari si stessero nascondendo o meno. La tua posizione e’ stata molto coraggiosa! In realta’ e’ palese che la macchina non sia mai stata all’altezza, Fernando ci fa sognare, ad inizio anno eravamo 1 secondo e mezzo sotto, adesso siamo ancora 8 decimi dietro. Come si fa, realisticamente, a pensare di poter vincere un mondiale di 18-20 gare con una mancanza di prestazione simile? Comunque non e’ ancora finita, vedremo bene

      • Strige

        28 ottobre 2012 at 00:04

        e il bello è che non sono per niente alonsiano, anzi proprio l’opposto (fin quando resterà in ferrari) quindi diciamo che ho rischiato e puntato su un pilota che non mi ispira. Però dai, altre 4 gare…magari vettel domani esce fuori 😀

      • Strige

        28 ottobre 2012 at 00:05

        ovviamente scherzo sull’uscita di vettel, si vince sul campo non sulle sventure degli altri. 🙂

  8. Strige

    27 ottobre 2012 at 14:15

    Altra cosa, con tutto il bene che voglio alla redbull (sono un fan di questo marchio e mi piace pure la bibita), ma che nessuno si azzardi a paragonare la RBR alla Ferrari F1.

    La ferrari è storia e gloria, mentre la RBR è una scuderia giovane che deve ancora crescere e soprattutto FARE LA STORIA. Quando e se ci riuscirà a vincere tanti mondiali quanti ne ha vinti la ferrari e rimane in formula 1 tanto quanto la ferrari allora si che si può paragonare la RBR alla ferrari.

    Certo però che la RBR ha un impero gigantesco, non esiste una competizione dove non c’è il marchio Red Bull.

  9. Federico Barone

    27 ottobre 2012 at 15:22

    Per i sostenitori di Vettel e di Alonso:
    Vettel non è migliore di Alonso ed Alonso non è migliore di Vettel. Sono molto vicini. Sembra che il tedesco sia un pelo migliore nel fare il giro decisivo in qualifica. Ma questo dipende anche dalla vettura che si guida.

    La verità assoluta la si potrebbe scoprire se corressero nello stesso team.

    Io trovo veramente triste, meschino, idiota e pure peggio tutto il letame che molti di voi spalano sull’uno o sull’altro pilota. Questo vale per il letame che ha colorato anche Hamilton, già scuro di per sè…

    Le critiche ci stanno, anche quelle dure, ma le campagne denigratorie, offensive e volgari che molti tengono in piedi, li squalificano decisamente. PUSSA VIA, BRUTTA BERTUCCIA!

    Onore alla Red Bull ed onore a Vettel. Domani sarà una bella gara, se le McLaren non scompariranno. Le Ferrari dovranno stare attente, soprattutto Alonso, perchè Massa lo sopravanzerà in partenza.

    • vettelthebest moderato a dispetto del nick

      27 ottobre 2012 at 15:47

      Quotone per te!

    • alexalesi

      27 ottobre 2012 at 17:32

      Guarda posso anche essere d’accordo con te. Ovviamente per alcune ragioni ritengo VETTEL piu forte.

      ma la questione è che ALONSO è incensato da tutti.. e non si capisce perchè..

      Cosa ha fatto in questi anni per essere considerato così nettamente piu forte ?? tra l’altro ogni volta in una squadra gestta zizzagna appena non gli tornano i propri calcoli..

      Il problema è che VETTEL raramente prende complimenti.. Leggevo prima cose demenziali tipo “Complimenti a Newey per la pole”.

      Sembra che la REDBULL è la piu grande macchina disempre e VETTEL l’unico che vinceva così’.

      SENNA e PROST avevano un’astronave in Mclaren .. 15 GP su 16 vinti.. nessuno li ha mai sminuiti così… nessuno diceva… ALBORETO o MANSELL sono i piu forti..

      Non si capisce perchè FANGIO LAUDA STEWART SENNA PROST MANSEL che hanno vinto tanto con macchine che erano le migliori erano dei fenomeni..

      VETTEL che la macchina non ce l’ha avuta da suibto.. ha fatto i numeri in TORO ROSSO e la REDBULL è cresciuta intorno a lui.. non si capisce perchè lui è l’unico della storia che viene trattato cos’..

      I fatti sono che potrebbe a 25 anni vincere il 3° titolo.. questo perchè è un grande campione con la macchina…

      Non esiste mondiale vinto nell’era moderna senza una macchina di vertice.

      Ci siamo già dimenticati le prime gare con la REDBULL in difficoltà.. IL SEB ha tenuto botta.. fatto podi e strappato punti.. ricordo molte gare così. ALtrimenti non basrebbero 3 vittorie di seguito per essere primi nel mondiale..

      Mai un complimento… mai… è solo la macchina..

      Ecco perchè si creano le fazioni…

      Il dogma ALONSO piu forte del mondo.. va bene… VTTEl vince perchè cì’ha il giocattolo forte..

      Ecco questa visione alla Gianfranco MAZZONI premiata ditta rai1ferrari channell.. HA STUFATO!!!

      Oggi il commento doveva essere di dispiacere per chi è ferrarista.. magari critico con ALONSO che fa lo scarica barile..

      e aVETTEL.. e pure WEBER ogni tanto un complimento non guasterebbe..

      Certe volte sembra di essere in un forum dell ‘inter..

      • Nico

        27 ottobre 2012 at 20:06

        senza parlare del fatto che SEBASTIAN VETTEL E’IL TERZO PILOTA NELLA STORIA PER LE POLE POSITION,SCHUMACCHER,SENNA,VETTEL.CHE CAMPIONE E HA SOLAMENTE 25 ANNI,SE CONTINUA COSI’STRACCIA TUTTI. FORZA VETTEL FORZAAAAAAAAAAA!!! ((( 😛 )))

    • Federico Barone

      27 ottobre 2012 at 22:12

      alexalesi, non sono andato oltre le prime righe del tuo post, avevo già capito dove volevi arrivare. Nessun comportamento di altri (men che meno di altri fans) giustifica offese verso i piloti che non sono i propri beniamini, dal mio punto di vista.

      Dimmi, mi sono mai preso gioco dei piloti (ma non solo io) che hanno battuto la Ferrari, in questi anni? Hai mai letto certe frasi – da asilo d’infanzia, anzi peggio – da parte mia? Ti assicuro, ho avuto molte delusioni e le prese in giro degli avversari danno fastidio anche a me. Ma – per la miseria! – a tutto c’è un limite. Non mi interessa una beneamata cippa se la maggior parte della gente non riconosce il valore del mio pilota preferito, l’importante è che lui vinca. E chi non lo sopporta è costretto a rosicare, peggio per lui.

      Ripeto: a tutto c’è un limite e la volgarità, il cattivo gusto e le beghe da stadio non sono giustificate.

      • Strige

        28 ottobre 2012 at 00:15

        Sei tifoso di Vettel….sono appena caduto dalle nuvole. 😀 in senso buono si intende. 😀

        Da come scrivevi, ad occhio, avrei detto Hamilton, non certamente vettel.

        Secondo me hai fatto una Buona scelta, anzi ottima.

        L’unica cosa che non mi piace è l’esultanza, quel dito non mi piace (anche se è un suo marchio, così come la lingua di michael jordan) così come non mi piacevano i gesti che faceva schumy con l’inno italiano. Ho preferito di più il suo salto sul gradino più alto. Poi sono opinioni personali 😉

      • Federico Barone

        28 ottobre 2012 at 07:52

        No, Stirge, hai frainteso (non mi soo spiegato bene): io sono solo ferrarista e tifo per il pilota della rossa che lotta per il mondiale. Sono stato solo tifoso di Villeneuve (Gilles) nella mia adolescenza.

        Però cerco di essere onesto con me stesso ed apprezzo da sempre i piloti che riescono a mostrare qualcosa in più, a dispetto di tutte le voci maligne che li circondano. I migliori emergono sempre secondo me.

        In questo periodo direi Vettel, Alonso ed Hamilton. Ma le due stagioni (2010 e 2011) in McLaren hanno mostrato anche un Button a volte sorprendentemente efficace e spavaldo; ha fatto dei sorpassi bellissimi e si è dimostrato micidiale, quelle volte in cui attaccava.

        Vi sono molti piloti che mostrano comunque il proprio valore, anche se raramente. Non dipende solo dal mezzo. Vettel è esploso subito (come MSC) ed ha mostrato subito (nel 2007) ottime cose, già in quel finale di stagione la Toro Rosso andava meglio, con lui. Non è giusto dare il merito solo a Newey.

        Perez è veloce, o aspetto al varco, ma non credo che sia un potenziale pluricampione. Forse mi sbaglio. Kobayashi evidentemente preferiva le Bridgestone, anche questo è un limite. Credo l’unico suo, mi piace molto.

        Aspettiamo i nuovi.

        Il ditino di Vettel non mi piace, è troppo carico di aggressività, nella sua esposizione. La paperella di Alonso . già ai tempi Renault (ahimè) – la trovavo comunque più simpatica, piú divertente e rilassata. A me non piacevano nè le direzioni d’orchestra, nè i salti di Schumacher.

        Ma queste sono opinioni su espressioni personali e quindi non hanno alcun valore. Qui si parla di piloti, che devono solo arrivare davanti agli altri.

        Un’ultima cosa: le interviste, le parole, le reazioni dei piloti… anche queste mi interessano relativamente. Vi sono alcuni più controllati ed altri più esplosivi, ma ritengo che siano tutti bravi ragazzi da rispettare.

        Anche Montoya, anche Villeneuve (Jacques) che attaccavano sempre Schumacher e la Ferrari, anche Alonso ed Hamilton. Tutti.

        Alla fine conta chi vince e sono sicuro che fra loro si rispettano e riconoscono il valore (vero) degli avversari. Perchè SANNO di cosa si tratta…

        🙂

    • quickest

      27 ottobre 2012 at 22:23

      Ciao Federico. Non e’ sempre cosi pero’, guarda caso oggi Vettel si e’ potuto permettere di cannare il suo giro buono e di dare la paga a tutti lo stesso. Fernando deve sempre essere al 110%, margine zero. Sono due condizioni difficilmente paragonabili; se avessero due macchine piu’ o meno equivalenti allora il paragone lo si potrebbe fare, ma cosi i parametri di misura sono differenti

      • Federico Barone

        27 ottobre 2012 at 23:59

        Questo l’ho premesso nella terza riga del mio post, ritengo comunque che la vera forza di Alonso sia la gara, più che la qualifica. Penso altresì che i detrattori di Vettel sottovalutino le sue capacità in corsa. È sempre molto veloce ed efficace, in qualsiasi posizione si trovi. Ed ottiene il massimo dalla vettura, come pure Alonso (ed altri piloti). Anche con una certa costanza.

        Ma il baricentro dei miei interventi è spostato sul livello inutilmente infimo delle reciproche offese, accuse e giustificazioni per il proprio comportamento, in questo luogo.

  10. f1erally

    27 ottobre 2012 at 18:38

    I complimenti se li merita di più chi fà il risultato con mezzo inferiore, se riesce a stravolgere il pronostico.

    Questa è problema di chi ha un mezzo superiore agli altri, perchè poi avviene proprio questo, ognuno la domanda se la fà: più merito del pilota o della macchina??

    Io non voglio far polemiche e non ho mai detto che Vettel non è un buon pilota, ma a parer mio la prova del 9 su questo pilota, si avrà soltanto quando riuscirà a fare delle grandi gare anche con mezzi leggermente inferiori, “solo leggermente”.

    Perché Alonso è considerato da tanti il migliore oggi in F1??

    Perché seguendo il ragionamento sopra, lui questa condizione di mezzo inferiore l’ ha passata tutto l’ anno ed è riuscito a stare per la maggior parte del tempo primo in Campionato…

    E torno a dire che non tifo nessun pilota in particolare, da appassionato di corse mi piace riuscire a distinguere il potenziale della macchina da quello del pilota, ammettere che uno è più forte di un altro a mè mi sposta poco e niente…

    • Nico

      27 ottobre 2012 at 20:09

      certo come no,strano non la pensavi cosi’ di alonso a meta’stagione quando la Ferrari non era da meno a nessuno.Vai bello vai a rispondere alla domanda nell altro articolo che riguarda Vettel e la gara di domani,o ti hanno fatto una domanda troppo scomoda 😉 PIOOOOOOOOOOOOOOO

  11. felli gabriele

    27 ottobre 2012 at 21:25

    LA GARA è DOMANI

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati