F1 | Williams, Kubica: “Con questa macchina l’emozione del ritorno è svanita presto”

Stroll: "Difficile capire il bilanciamento". Sirotkin: "Questa vettura ti costringe ad essere concentrato al 200%".

F1 | Williams, Kubica: “Con questa macchina l’emozione del ritorno è svanita presto”

Giornata nei bassi fondi della classifica per la Williams, fanalino di coda in entrambe le sessioni. In mattinata occhi puntati su Robert Kubica, al rientro in pista in una sessione ufficiale: il polacco, protagonista anche di un innocuo testacoda, ha concluso davanti a Lance Stroll, a sua volta rimasto “insabbiato” dopo un lungo. Nel pomeriggio Sergey Sirotkin ha ripreso possesso della FW41, ma la musica non è cambiata.

ROBERT KUBICA
FP1: 19°, 1:21.510 (+3.362) – 24 giri
FP2: //
“È stata una bella sensazione, non tanto per essere salito in macchina, bensì perché sono tornato a guidare in una sessione ufficiale, anche se si tratta solo di FP1. È stata la prima volta dalla fine del 2010, quindi c’è stata un po’ di emozione, ma è sparita molto presto perché abbiamo una macchina abbastanza difficile da guidare. Il bilanciamento non era abbastanza buono, ma in qualche modo dobbiamo attenerci a ciò che abbiamo per completare i nostri test aerodinamici e le nostre valutazioni. Non è stata una sessione facile, ma siamo riusciti a gestire la situazione in condizioni difficili e sono stato in grado di fornire un buon feedback. Quando lotti così tanto è difficile godersi il momento, ma sono comunque felice. Penso che la macchina più difficile l’abbiamo avuta in questa sessione, eppure sono riuscito a rimanere tranquillo, riuscendo in qualche modo ad estrarre ciò che pensavo fosse ragionevole a livello di prestazioni. Penso di poter essere felice di ciò che ho fatto in relazione a quello che mi è stato chiesto”.

LANCE STROLL
FP1: 20°, 1:22.756 (+4.608) – 15 giri
FP2: 19°, 1:21.556 (+3.297) – 35 giri
“Stamattina in pratica non ho corso, perché sono uscito al secondo tentativo: insomma, non è stata la mattinata che speravo. È stato molto difficile capire il bilanciamento. Oggi pomeriggio abbiamo provato a sistemare alcune cose e l’auto è un po’ migliorata, anche se c’è ancora molto da comprendere e scoprire. C’è molto lavoro da fare stasera, dobbiamo capire come migliorare”.

SERGEY SIROTKIN
FP1: //
FP2: 20°, 1:22.060 (+3.801) – 36 giri
“La macchina è difficile da guidare: mentalmente sei costretto a concentrarti al 200% su tutto perché è molto complicata. Ci vuole molta energia per guidare. Non ci aspettavamo che fosse facile, sto aspettando la possibilità di testare la maggior parte dei nuovi pezzi sulla nostra macchina. Sì, è stata una brutta sessione, ma abbiamo un piano a lungo termine che implica un grande sforzo da parte di tutti noi, quindi non voglio che una sessione o un evento negativo lo influenzino. Tutti stanno lavorando a pieno ritmo: ci vorrà del tempo, ma ci arriveremo”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati