F1 | Whiting sulle operazioni di peso in qualifica: “Era un rischio che la Ferrari doveva mettere in conto”

"Le bilance rotte costavano 22.000 euro, abbiamo aggiunto altri 3.000 euro per poter comprare cavi di riserva", ha spiegato il direttore di gara del Circus

F1 | Whiting sulle operazioni di peso in qualifica: “Era un rischio che la Ferrari doveva mettere in conto”

Charlie Whiting ha spiegato i motivi sull’ammontare della multa di 25.000 euro comminata sabato scorso a Sebastian Vettel al termine delle qualifiche del Gran Premio del Brasile.

Ho chiesto a Jo Bauer quanto costavano le bilance rotte e mi ha detto 22.000 euro. Ne abbiamo aggiunti altri 3.000 per poter comprare dei cavi di riserva”, ha sottolineato il direttore di gara del Circus.

Sulle operazioni relative al peso delle vetture Whiting ha voluto fare chiarezza: “Sorteggiamo le monoposto in qualifica quando c’è pista asciutta. Era un rischio che la Ferrari doveva mettere in conto”.

F1 | Whiting sulle operazioni di peso in qualifica: “Era un rischio che la Ferrari doveva mettere in conto”
4 (80%) 1 vote
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

4 commenti
  1. Zac

    14 novembre 2018 at 17:23

    Chi rompe Paga, e lui ci ha fato pure la cresta di 3000 Euro.
    Senza pudore.

  2. idrija

    14 novembre 2018 at 18:37

    Contrillino la Mercedes….

  3. Zac

    14 novembre 2018 at 20:22

    Ha detto che estraggono a sorte. Quest’anno la Ferrari è perseguitata dalla cattiva sorte. Se la legge dei grandi numeri ha un fondamento l’anno prossimo potrebbe toccare a qualche altra squadra. Non tocca sempre agli stessi.

  4. alonsosenna4

    15 novembre 2018 at 04:50

    Ridicoli fia e charlie faccie di mmer…venduti se è a sorteggio…che cosa si doveva aspettare la ferrari che TRA 20 macchine la vostra mafia decidesse di rovinargli le qualifiche senza pudore…fate pietà quest’anno avete fatto schifo agli occhi del mondo insieme a mercedes che nn ci stà a perdere e trova ogni modo x rubare incredibile in mondovisione …vergogna

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati