F1 | Ricciardo ricorda la prima stagione con Verstappen: “Non gli importava nulla”

"Non si rendeva conto della responsabilità"

L'australiano ha parlato della convivenza con l'olandese nel team austriaco
F1 | Ricciardo ricorda la prima stagione con Verstappen: “Non gli importava nulla”

Il pilota della Renault, è tornato a parlare della convivenza all’interno del team Red Bull con Max Verstappen. A soli 18 anni, l’olandese è diventato il più giovane vincitore di sempre in F1, il pilota più giovane a conquistare un podio e il più giovane a comandare il giro di un gran premio. Secondo Daniel Ricciardo, è stata l’età a giocare a suo favore.

“In quel momento a fare molto è stata la sua età, aveva dei lati negativi dovuti all’immaturità ma anche positivi”, ha dichiarato il pilota di Perth al podcast “The Howie Game”, intervistato da Mark Howard.

“In realtà non gli importava niente, non gli importava di infastidire le persone o del rischio. Era come se dicesse, ‘Io vado là fuori e guido più veloce che posso’, probabilmente non si rendeva conto della responsabilità e quindi correva con tanto libero arbitrio e questo per lui ha funzionato in più di un’occasione. Quando è entrato a far parte del team, fin dal primo giorno è uscito dal box e ha guidato la macchina senza preoccuparsi di proteggere l’attrezzatura o altro. Probabilmente sono stato troppo gentile sulla macchina e su queste cose ma credo che ci siamo motivati entrambi in quella stagione. Quindi è stato bello”. 

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati