F1 | Pagelle GP Russia – La finta rivincita di Bottas, Hamilton piange, Leclerc ottima prova

Male Sainz, Verstappen non sbaglia niente, Perez disoccupato e velocissimo

F1 | Pagelle GP Russia – La finta rivincita di Bottas, Hamilton piange, Leclerc ottima prova

Valtteri Bottas 9 Approfitta delle grane giudiziarie di Hamilton per vincere la sua nona gara in carriera e lo fa gestendo la corsa con autorità, ma a livello di velocità è surclassato dal compagno di squadra. Hai voglia di menarla con la retorica della rivincita; a parità di condizioni il gap con Lewis è incolmabile e sarà sempre così.

Max Verstappen 9 Di più davvero non può fare. Impeccabile nella solitudine della sua posizione in  mezzo al nulla, impossibilitato dal sognare la vittoria, troppo più veloce degli altri.

Lewis Hamilton 7 Un fulmine in pista e ci mancherebbe. Ma è incredibile come quello che aspira ad essere ricordato come il più grande di tutti i tempi sia capace al contempo di essere anche il più grande piagnucolone di tutti i tempi. Una lamentela continua, eppure a fare le prove di partenza in corsia di accelerazione in uscita dai box noncurante di regole e di colleghi è stato lui. Stai un po’ zitto dai.

Sergio Perez 8,5 Con una monoposto non aggiornata è più veloce del compagno di squadra ed è autore di una prova maiuscola chiusa ai piedi del podio. Per ora disoccupato con probabile destinazione in Haas.

Daniel Ricciardo 8 Altra prova cattiva e di spessore, nonostante la ridicola penalità beccata in un sorpasso comandato dai box. E’ un peccato lasci la Renault, perché il binomio iniziava a funzionare con due quarti posti, un quinto e un sesto nelle ultime quattro gare.

Charles Leclerc 8 Insofferente con la squadra al sabato, trasforma la frustrazione in rabbia agonistica e massimizza il potenziale della SF1000 con un bel sesto posto, alla Alesi dei “tempi d’oro”.

Esteban Ocon 6,5 Non ha il guizzo di Ricciardo e resta impantanato dietro la Rossa di Leclerc.

Daniil Kvyat 7,5 Buona la scelta di partire con le gomme dure, nel finale le prova tutte per superare Ocon.

Pierre Gasly 7,5 Dà spettacolo nel finale a suon di sorpassi dopo un pit stop aggiuntivo, strategia aggressiva.

Alex Albon 6 Lontano anni luce da Verstappen, la penalità in griglia complica le cose, alla fine arriva un punticino dopo aver sgomitato per tutta la gara.

Antonio Giovinazzi 7 Dimostra un ottimo passo gara e non commette sbavature. Fine settimana positivo per l’italiano, che sotto la bandiera a scacchi accarezza soltanto la zona punti.

Lando Norris 5 Lotta come un ossesso per la zona punti, non risparmiandosi. Non brilla come altre volte; nel finale va in crisi di gomme e il pit stop aggiuntivo lo toglie definitivamente dai giochi.

Sebastian Vettel 5,5 In totale, triste, malinconica, idiosincrasia con la monoposto, che per lui risulta inguidabile. Mettiamoci le motivazioni prossime allo zero. Eppure si comporta ancora da uomo squadra, sacrificando parte della sua gara sull’altare del gioco di squadra per Leclerc. La Ferrari per arrivare sesta con un pilota ha bisogno che l’altro faccia da tappo agli avversari. Mala tempora…

Kimi Raikkonen 6 Non guida male, ma tra traffico e pit stop lentissimo resta imbottigliato nelle retrovie e ciao sogni di gloria.

Lance Stroll 5 Troppo lento in qualifica rispetto a Perez stavolta.

Carlos Sainz 4 Errore imbarazzante.

Romain Grosjean 4,5 Passeggia per la pista godendosi il panorama.

Altri: Nicholas Latifi (6); George Russell (6); Kevin Magnussen (5)

Antonino Rendina


Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati