F1 | Otmar Szafnauer sulla ripresa: “Ci vogliono test rapidi e precisi per controllare tutti”

"Ci saranno più di 1.000 persone nel paddock, abbiamo bisogno di informazioni e strumenti adatti", ha aggiunto

Il team principal della Racing Point detta le linee guida che la Formula 1 dovrà prendere per garantire la sicurezza all'interno dei paddock nei prossimi mesi
F1 | Otmar Szafnauer sulla ripresa: “Ci vogliono test rapidi e precisi per controllare tutti”

In questi giorni sta prendendo sempre più corpo il mondiale 2020 di Formula 1. L’obiettivo di tutti è quello di cominciare dall’Austria nel weekend del 5 luglio, e questo comporterà delle decisioni importanti: innanzitutto porte chiuse, un numero massimo di membri per ogni team e l’assenza di giornalisti e guest nel paddock. Per un primo periodo le misure saranno queste, e secondo Otmar Szafnauer, team principal della Racing Point ci vogliono anche degli strumenti adatti per controllare rapidamente e con efficacia la salute delle persone che lavoreranno nei vari eventi di Formula 1.

“Stiamo valutando per vedere come partire dall’Austria, e penso che uno degli elementi chiave sia fare dei test per tutti – ha detto Szafnauer a RACER. Non ci saranno i fans, quindi il virus non potrà essere trasmesso sulle tribune, ma dobbiamo assicurarci la stessa cosa anche per il paddock. Dovremo lavorare a stretto contatto l’uno con l’altro, limiteremo la quantità di persone, un massimo di 80 per squadra più o meno, così da avere non più di 1.200 persone, che saranno l’una vicina all’altra, perciò dovrà esserci un protocollo su come andare avanti e lavorare tranquilli assicurandoci che il virus non venga trasmesso nel paddock”.

“Credo ci vogliano le giuste informazioni: abbiamo bisogno di test rapidi e precisi in modo che tutti possano essere controllati prima di andare, quindi anche durante l’evento. Se siamo sicuri che le 1.000 e oltre persone nel paddock siano senza virus, non può esserci alcun contagio. Penso che dobbiamo ragionare passo dopo passo prima di poter correre, e sicuramente è meglio gareggiare che stare fermi. Se dovessimo essere gli unici sportivi a riprendere – conclude Szafnauer – penso che il mondo intero ci guarderà, anche perché saremmo in diretta TV, forse gli unici”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. Zac

    29 Aprile 2020 at 17:54

    1200 tamponamenti per volta. Viva l’autoscontro.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati