Formula 1 | Webber spinge per Piastri: “Merita il sedile dell’Alfa Romeo”

"Saranno mesi interessanti e concitati", ha aggiunto l'australiano

Webber, come Leclerc, pensa che Piastri dovrebbe esordire in Formula 1 già nel 2022
Formula 1 | Webber spinge per Piastri: “Merita il sedile dell’Alfa Romeo”

In una chiacchierata concessa ai microfoni del podcast Formula Nation, Mark Webber ha parlato della possibile promozione dì Oscar Piastri in Formula 1 già nel 2022, precisando come il connazionale meriti dì sedersi in Alfa Romeo al fianco di Valtteri Bottas.

Secondo l’ex pilota di Red Bull e Porsche, molto attento alle giovani “leve” che stanno emergendo dalle categorie junior, l’attuale punta dì diamante della Renault Academy è riuscito a mostrare la giusta velocità nell’ultima stagione in Formula 2, aspetto che dovrebbe spingere il “Biscione” a valutarne la posizione per il prossimo anno.

Formula 1 | Leclerc sponsorizza Piastri: “Spero trovi un sedile in Formula 1”

“Quello dell’Alfa Romeo è l’ultimo sedile a disposizione per il 2022 e Piastri merita di occuparlo”, ha affermato l’australiano. “Molti hanno parlato bene di Oscar ed è bello vedere che questo sport goda di ottima salute e di un brillante futuro. Per Piastri non è una questione di se, ma di quando debutterà tra i grandi. Non ho alcun dubbio sul fatto che saranno mesi interessanti e soprattutto concitati. Nulla è ancora deciso in termini di mercato e c’è ancora un po’ di confusione. Probabilmente questo potrebbe andare a suo favore, regalandogli una chance”.

“Sta facendo un lavoro incredibile da un bel po’ di anni”, ha aggiunto. “Ha vinto la Formula 3 e guida il campionato di Formula 2 quest’anno, anche se nulla è stato ancora deciso a pochi round dalla fine. L’Alpine è molto interessata a lui e non vuole che gli sfugga dalle mani. Sta cercando di accontentarlo per il futuro”.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati