F1 | Mercedes, Wolff cauto: “Titolo mondiale già ad Austin? Mai dare nulla per scontato”

"Lewis nel 2007 aveva quarantacinque punti di vantaggio a due gare dalla fine", ha commentato l'austriaco

F1 | Mercedes, Wolff cauto: “Titolo mondiale già ad Austin? Mai dare nulla per scontato”

A pochi giorni dal prossimo Gran Premio degli Stati Uniti, diciottesimo appuntamento di questo mondiale 2018 di Formula 1, Toto Wolff ha preferito non sbilanciarsi sulla possibilità di chiudere i giochi mondiali già ad Austin, sottolineando come la stagione 2007 insegni a non dare mai nulla per scontato, soprattutto se mancano quattro appuntamenti alla fine del campionato.

L’austriaco, proprio in tal senso, preferisce non pensare alle combinazioni che potrebbero regalare il titolo a Lewis Hamilton, evidenziando come la squadra debba lavorare con serenità e massima concentrazione.

Ecco le valutazioni di Toto Wolff: “Il vantaggio di Lewis nel campionato non cambia assolutamente nulla. Nel 2007 aveva quarantacinque punti di vantaggio su Raikkonen, l’equivalente di due occasioni da mandare a segno, e ha perso comunque il campionato”.

“Il vantaggio era lo stesso di oggi e quindi non possiamo perdere la nostra concentrazione. Nessuno si sarebbe mai aspettato una sconfitta con quarantacinque punti di vantaggio a due gare dalla fine, eppure è successo”, ha concluso.

F1 | Mercedes, Wolff cauto: “Titolo mondiale già ad Austin? Mai dare nulla per scontato”
5 (100%) 11 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. Victor61

    17 ottobre 2018 at 13:51

    ma perfavore…

  2. Victor61

    17 ottobre 2018 at 13:52

    ha regalato il mondiale 2016 a rosberg e adesso cerca pure di postare sfortuna ad Ham…ridicolo

  3. .. non è normale

    17 ottobre 2018 at 20:35

    già uno che dice “ha regalato il mondiale 2016 a rosberg” la dice lunga su quanto ne sa di F1 , ZERO ASSOLUTO!!! d’altronde victor sei famoso per il tuo modo distorto e irrealistico di vedere la F1. poi dai del ridicolo agli altri, TU!! hahahahaha

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati