F1 | Mercedes non rispetterà le nuove normative sul consumo dell’olio

Arriva la conferma della FIA: "I motori introdotti nel weekend di Spa o prima, rimarranno fedeli alle vecchie regole"

F1 | Mercedes non rispetterà le nuove normative sul consumo dell’olio

In Belgio non è passata affatto inosservata la scelta della Mercedes di introdurre anticipatamente la quarta ed ultima Power Unit stagionale (dopo di essa scatta la penalità) sulle vetture di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas. Una scelta “furba” quella della scuderia tedesca, rivolta ad aggirare la nuova direttiva sui limiti di consumo dell’olio che entrerà in vigore dal Gran Premio d’Italia. La FIA, a tal riguardo, ha fatto chiarezza: “Abbiamo ricevuto diverse domande circa la combustione d’olio da Monza in poi […] La domanda principale è se i motori introdotti a Spa debbano essere soggetti all’aspettativa ‘il consumo di olio di qualsiasi elemento ICE delle Power Unit introdotte dal Gran Premio d’Italia 2017 in poi dev’essere inferiore a 0,9L/100km’.

1. L’articolo 23.3b del Regolamento stabilisce: “(…) Ognuno dei sei elementi della Power Unit sarà considerato utilizzato una volta che il transponder dell’auto avrà dimostrato che questa ha lasciato la pit-lane. (…)”
Quindi, per essere chiari:

2. Se un motore (elemento ICE) viene introdotto nel weekend di Monza o dopo, il suo consumo di olio deve essere inferiore a 0.9L/100km ogni volta che viene utilizzato.

3. Se un motore (elemento ICE) è stato introdotto nel weekend di Spa o prima, il suo consumo di olio deve essere inferiore a 1.2L/100km ogni volta che viene utilizzato”.

Stando dunque alla ricostruzione della FIA, la Mercedes potrà utilizzare le nuove power-unit con un livello di consumo dell’olio più alto rispetto a tutti gli altri team che introdurranno delle nuove unità dal prossimo Gran Premio d’Italia in avanti. La casa di Stoccarda, inoltre, avrebbe così rotto un patto stipulato tra i motoristi che prevedeva l’introduzione di aggiornamenti del propulsore solo fedeli alle nuove normative.

Federico Martino

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

32 commenti
  1. attilio

    30 agosto 2017 at 13:36

    prove segrete al paul ricard ( era vietate le prove)
    serbatoio dopo flussometro. per aggirare i 100 Kg/ora
    terzo ammortizzatore idraulico. per variare l’altezza dal suolo. ecc ecc ecc.
    questi sono i cari amici della Mercedes

  2. attilio

    30 agosto 2017 at 13:38

    Naturalmente Complice la FIA.

  3. attilio

    30 agosto 2017 at 13:44

    e rincaro la dose.
    se la federazione non avesse cambiato il regolamento con motori hibridi, loro se ne sarebbero andati dalla F1. anche perchè non vincevano un tubo.
    ma per quel regolamento hidrid loro era due anni che si preparavano. capito i furbetti.
    la ferrari per non far andare via un avversario come mecedes accettò. il resto è storia recente.

  4. maxim

    30 agosto 2017 at 15:03

    La Mercedes doveva vincere in F1, stava li da troppi anni senza concludere nulla, quindi la FIA ha accettato le loro condizioni e “chiude un occhio” su alcune cose….
    (vedi Bottas in Azerbaijan…)

  5. Gianca

    30 agosto 2017 at 15:26

    Questo è il quarto che la mercedes vince utilizzando l’escamotage dell’olio per avere cavalli extra nonostante un regolamento che definisce misure e utilizzo del propulsore che rende di fatto questi motori quasi identici tra di loro, per cui gran differenze di potenza non dovrebbero esserci.
    Quest’anno la macchina migliore sembra essere la rossa, ma grazie al surpluss di cavalli di cui dispone la mercedes usando l’escamotage dell’olio, quest’ultima fin’ora se l’è cavata. Dal gp del Canada, la ferrari ha introdotto i famosi serbatoi dell’olio supplementari, dimostrando di essere alla pari anche con il motore, se non leggermente superiore alla mercedes tanto che nel rettilineo piu lungo per la prima volta la rossa riusciva a gudagnare un decimino sulla mercedes. Prontamente la mercedes ha fatto reclamo(giustamente), ma ora con un motore nuovo nulla impediva alla ferrari di fare in modo di imbarcare più olio all’interno del motore, proprio come fa la mercedes, così con ottimo tempismo, dopo il gp di ungheria, è sbucata questa norma sul consumo d’olio, valida solo per i nuovi motori, che misteriosamente non entra subito in vigore a spa, ma 7 giorni dopo a monza, che di fatto permette solo a mercedes di omologare l’ultimo motore con la possibilità di usare più olio di tutti gli altri e trarne vantaggio. Era ora che la fia si svegliasse e impedisse di arricchire la benzina con l’olio visto che per regolamento è vietato, in modo di mettere tutti alla pari. Solo che fin che la mercedes in questo aveva un vantaggio sugli altri, ha lasciato fare, e già questo è grave, poi quando gli altri si son adeguati e hanno raggiunto la mercedes, si è inventata questa norma storpiata che per chissà qual motivo permette ai motori già omologati di continuare a bruciare olio e entra in vigore a monza anzichè a spa in modo di impedire furbate stile mercedes. Poi che ci fosse pure un accordo tra i costruttori di non portare motori nuovi a spa per aggirare la regola, accordo poi disatteso solo dalla mercedes, è la ciligina sulla torta.

  6. lor

    30 agosto 2017 at 20:11

    Cosa ci si può aspettare dai tedeschi che nel 2° conflitto prima strinsero un patto di non belligeranza con la Russia e subito dopo la invasero.

  7. Magu

    30 agosto 2017 at 22:58

    Ripeto ognuno tira acqua al suo mulino..lo scorso anno Red Bull e Mercedes hanno gareggiato col terzo ammortizzatore e la Ferrari è stata in silenzio fino a questo inverno poi ha chiesto spiegazioni alla FIA facendolo di fatto vietare..ha aspettato appunto l’inverno quando ormai i progetti e la costruzione delle vetture 2017 erano terminati o quasi costringendo le squadre a rivedere l’intero progetto..era nel suo diritto e và bene così…ognuno tira acqua al suo mulino..è sempre stato così..da sempre

  8. giancarlo_zanarotto@hotmail.com

    31 agosto 2017 at 03:34

    BENE INTERNAUTI, A QUESTO PUNTO DOBBIAMO CHIEDERE ALLA FIA CHE LA MERCEDES SIA ESCLUSA DAL CAMPIONATO.

  9. giancarlo_zanarotto@hotmail.com

    31 agosto 2017 at 03:45

    DA QUEST’ANNO LA MERCEDES HA COMINCIATO A FARE IL GIOCO DI SQUADRA, NON ERA CONTRARIA?

  10. attilio

    31 agosto 2017 at 10:19

    ed è evidente che ci sono dei favoritismi. ( non c’è uniformità nei regolamenti )
    qualcuno dice che la ferrari ha fatto la furbata nella richiesta alla FIA se il
    terzo ammortizzatore fosse regolamentare. Stiamo Scherzando vero?
    io credo visto che già nel 2016 erano irregolari quel sistema del terzo ammortizzatore
    Concesso da Charlie Whiting, poi vietato dalla federazione FIA
    era sia mercedes che red bull che si dovevano documentare prima di fare la vettura.
    invece adesso è il contrario, whiting dice che da monza si devono adeguare tutti a 0,9
    kg/ 100 km di olio ( che poi olio non è ) mentre a federazione dice il contrario, cioè
    che vale il gioco delle omologazioni. è incomprensibile come un responsabile FIA come
    whiting venga smentito dalla sede centrale.
    Inoltre torno a ripetere le furbate Mercedes in questi ultimi anni.
    Preve segrete gomme a Barcellona, quando il regolamento lo vietava.
    primo anno velocissime con l’aggiramento del polmone dopo il flussometro 100Kg/ora
    poi per primi a bruciare olio ( presunto tale ) nelle camere di combustione.
    poi il fric interconnessioni anteriore e posteriore degli ammortizzatori Vietato.
    poi il terzo ammortizzatore idraulico sia anteriore che posteriore per variare
    l’altezza da terra. per loro avere 100 kg di benzina oppure avere un litro
    l’altezza era sempre la stessa. bella idea, peccato che era vietata.
    ma si dà la colpa alla ferrari di aver chiesto spiegazioni.
    Ma signori per favore siamo seri è più sportivi.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati