F1 | Mercedes, Hamilton: “Ferrari e Red Bull sono migliorate più velocemente di noi”

"Domani sarà una giornata difficile, spero nella pioggia", ha concluso

F1 | Mercedes, Hamilton: “Ferrari e Red Bull sono migliorate più velocemente di noi”

Quarto posto per Lewis Hamilton dopo le prime due sessioni di prove libere del Gran Premio di Russia. Il pilota britannico non è riuscito a completare un giro pulito, così come Vettel, e ha preso un distacco abbastanza importante da Verstappen, oggi primo. Nella simulazione passo gara il campione in carica ha avuto difficoltà con le Soft, segno che forse questo tipo di mescola non gli va proprio a genio a Sochi, mentre con le Medie è riuscito a stampare un 38.0 molto competitivo, il più veloce di tutti i long run dei top.

“E’ stata una giornata esplorativa e piena di scoperte – ha detto Hamilton. Non è iniziata male, ma gli altri hanno fatto grandi progressi sono migliorati molto più velocemente di noi. Il nostro ritmo era buono nelle FP2, ma non è abbastanza. Lavoreremo fino a tarda notte per capire cosa possiamo migliorare e dove apportare delle modifiche alla macchina per domani. E’ bello vedere questa competizione, ma naturalmente vogliamo essere in lotta con gli altri, quindi lavoriamo su questo. Sarà una giornata difficile domani, ma spero nella pioggia, non abbiamo mai guidato qui con quelle condizioni (tranne una sessione di libere nel 2017, ndr), quindi potrebbe rivelarsi interessante”.

F1 | Mercedes, Hamilton: “Ferrari e Red Bull sono migliorate più velocemente di noi”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Eddie Jordan sicuro: “Hamilton ha superato Schumacher”

"Michael ha vinto sette campionati, ma quanti ne avrebbe conquistati se non avesse avuto il sostegno di tutte le altre persone del team?", ha sottolineato l'irlandese
Eddie Jordan non ha dubbi. Il manager irlandese ritiene infatti che Lewis Hamilton debba oramai essere considerato superiore a Michael Schumacher, nonostante alcuni