F1 | McLaren, Andreas Seidl: “Che momento eccezionale per la squadra”

"Abbiamo preso le corrette decisioni al momento giusto" ha aggiunto il team principal

F1 | McLaren, Andreas Seidl: “Che momento eccezionale per la squadra”

E’ un momento d’oro per la McLaren: dopo la doppietta a Monza, il team di Woking porta a casa una pole position. L’ultima volta che la McLaren è scattata dalla prima casella in griglia era il 2012, ed in Brasile Lewis Hamilton conquistava pole e vittoria. Il team color papaya ha eseguito tutto alla perfezione durante la qualifica, e Norris non ha deluso le aspettative, segnando una incredibile pole position con ben mezzo secondo di vantaggio sulla Ferrari di Carlos Sainz. Ottimo lavoro anche di Daniel Ricciardo, quinto. Quella di Sochi è una grande opportunità per la squadra britannica: Hamilton scatterà dalla quarta posizione, ma i tre davanti a lui – Norris, Sainz e Russell – sono tutti affamati di vittoria. A parte questo, grande lavoro per a squadra di Andreas Seidl, che dopo anni d tribolazioni e periodi bui torna finalmente a vedere la luce.

E’ la prima pole di Lando, la prima per la squadra sin dal 2012 e Daniel si è classificato quinto, è un sabato eccellente per la nostra squadra. Congratulazioni a tutta la squadra qui in pista, in fabbrica e ai nostri colleghi alla Mercedes HPP, perché è stata una qualifica eccezionalmente complicata, ma eseguita molto bene. Durante tutte le sessioni era fondamentale avere le gomme più adatte sulla vettura, ed essere nel posto giusto al momento giusto in pista. Abbiamo preso bene le nostre decisioni e i nostri piloti hanno sferrato bene i loro colpi” ha detto il team principal Andreas Seidl – dedichiamo questa pole position a Masour Ojjeh, oggi sarebbe stato il suo compleanno, speriamo di vedere una bellissima gara domani. Abbiamo una vettura competitiva e siamo in una buona posizione per conquistare tanti punti“.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati