F1 | Massa su Alonso: “È un pilota di talento ma divide il team in cui corre”

Il brasiliano ex Ferrari racconta ad una tv brasiliana la sua convivenza con lo spagnolo ai tempi di Maranello

F1 | Massa su Alonso: “È un pilota di talento ma divide il team in cui corre”

“Con Fernando è sempre stata una lotta. Quando abbassa la visiera cambia persona e finisce per dividere il team“. Dopo Horner, boss della Red Bull che aveva criticato recentemente lo spagnolo della McLaren, è il turno di Felipe Massa, che con l’asturiano ha condiviso 4 anni in Ferrari, dal 2010 al 2013. Anni in cui non sono arrivati titoli ma che evidentemente hanno lasciato qualcosa in sospeso.

Ad una tv brasiliana l’ex pilota della Rossa e della Williams ha raccontato il suo rapporto con Alonso: “Non abbiamo mai avuto alcun problema fuori dalla macchina, mi ha sempre trattato molto bene e abbiamo sempre avuto un buon rapporto di lavoro. Solo che c’è un Alonso fuori della macchina e un altro dentro. Sono due persone diverse e quando abbassa la visiera diventa un’altra persona: questo finisce per dividere la squadra. Senza questo problema, Alonso avrebbe vinto molto di più visto il talento.” Massa ha poi proseguito: “Se si nota, in ogni squadra in cui è stato ha sempre diviso il team in due.  Quando ho lasciato la Ferrari ho sentito un sollievo”.

Massa ha però anche ammesso le grandi doti di guida dell’ex compagno di squadra, due volte Campione del Mondo e paragonato a Michael Schumacher: “A livello di talento metto Michael e Fernando sullo stesso piano. Alonso ha una facilità di capire la corsa e di andare veloce: sono doti uniche. È un pilota differente, intelligente, rapido, completo, come d’altronde era anche Schumacher”.

Diverso il rapporto che Felipe ha avuto con i due ex compagni di squadra alla Rossa: “È stato difficile convivere con entrambi, però con Schumacher avevo un rapporto molto più intimo: volevo imparare da un pilota che aveva vinto 7 mondiali e che mi trattava bene”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati