F1 | La FIA vieta i test sui nuovi circuiti del calendario 2020

Per i team non sarà possibile completare dei test per trarre vantaggio

F1 | La FIA vieta i test sui nuovi circuiti del calendario 2020

Nel calendario aggiornato della stagione 2020 di Formula 1 saranno presenti anche nuovi appuntamenti inizialmente non previsti per questo campionato, come Imola, Mugello, Portimao, Nurburgring e Istanbul Park. Un gradito ritorno reso possibile dalle condizioni uniche e particolari di questo mondiale, per cui Liberty Media ha cercato di collaborare con i promotori dei vari eventi in modo da avere un calendario il più completo possibile.

Nella logica della riduzione dei costi e al fine di prevenire che alcun team potesse trarre un vantaggio, la Federazione Internazionale ha pubblicato nella giornata di martedì una versione aggiornata del Regolamensto Sportivo in cui è stata appositamente inserita una regola utile a prevenire che le squadre possano effettuare delle sessioni di test su quei determinati circuiti prima dello svolgersi del Gran Premio. Poter provare ed accumulare dati utili da aggiungere al simulatore, infatti, potrebbe essere un vantaggio non indifferente, soprattutto per i top team che non avrebbero problemi dal punto di vista economico per organizzare queste sessioni di prove. “I test TPC e/o THC non sono permessi su ogni circuito che è stato incluso nel calendario del campionato 2020 dopo il 4 ottobre 2019, salvo per quegli eventi che sono già stati completati su quella determinata pista nel 2020”, recita l’articolo 10.7 del regolamento sportivo. Precedentemente all’inserimento di questa regola, Ferrari e AlphaTauri avevano sfruttato l’opportunità per completare dei test privati sulle piste del Mugello e di Imola, in modo da dare l’opportunità ai piloti di abituarsi nuovamente alle monoposto prima della ripresa del mondiale in giugno.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati