F1: La FIA rivede le regole sui diffusori, proroga per Barcellona

F1: La FIA rivede le regole sui diffusori, proroga per Barcellona

Dopo il GP Turchia la FIA ha comunicato ai team di Formula 1 che avrebbe vietato l’utilizzo di mappature del motore intelligenti per soffiare i gas di scarico nel diffusore anche quando il pilota non preme l’acceleratore.

I team hanno beneficiato di questo espediente massimizzando il carico aerodinamico con il diffusore dell’aria soffiata anche con la vettura in fase di frenata.

Una direttiva della FIA (Technical Directive 15) ha chiarito che è permesso utilizzare i settaggi dell’acceleratore solo per incrementare la coppia, e non per migliorare le prestazioni aerodinamiche. Una misura che di fatto ha messo al bando il soffiaggio dei gas di scarico nel diffusore senza la pressione dell’acceleratore.

Di conseguenza i team che utilizzano questo sistema – tra gli altri Red Bull, McLaren, Ferrari e Renault – avrebbero dovuto modificare le mappature dei loro propulsori già per il weekend del GP Spagna a Barcellona. Christian Horner della Red Bull e Ross Brawn della Mercedes si erano detti incerti sull’impatto della nuova regola sulle prestazioni dei top team.

Comunque, dopo un dialogo tra la FIA e i team, la Federazione avrebbe deciso di non applicare il divieto per Barcellona.

“Diverse conseguenze non valutate e non desiderate” dalla FIA si sarebbero verificate e sono state portate all’attenzione di Charlie Whiting e da qui è arrivata la decisione di prorogare il divieto.

La questione sarà comunque discussa nella prossima riunione del Technical Working Group. La FIA avrebbe accettato di vietare il soffiaggio dei gas di scarico senza la pressione del pedale dell’acceleratore appena sarà possibile implementare la nuova regola senza causare ulteriori complicazioni ai team.

Secondo indiscrezioni il divieto sarebbe il risultato di lamentele da parte di alcuni team rivali che ritengono sia il controllo superiore del motore il segreto della Red Bull, soprattutto in qualifica.

A chi gli ha chiesto un commento a riguardo il team boss Christian Horner ha risposto: “E’ l’inevitabile e sfortunata conseguenza del successo”.

F1: La FIA rivede le regole sui diffusori, proroga per Barcellona
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

38 commenti
  1. luca86

    18 maggio 2011 at 13:17

    tanti considerano questa regola uno svantaggio nei confronti della redbull,pero avendolo anche ferrari,mclaren e renault,non credo che cambiera’ molto la situazione,quindi penso sia inutile preoccuparsi.comunque ovviamente sono contrario ai cambiamenti regolamentari durante la stagione,le parole giuste per definire cio’sono ”ridicoli” e ”vergogna”,che sono le caratteristiche base per lavorare alla fia

  2. Federico Barone

    18 maggio 2011 at 13:23

    Qualcuno parlerebbe di WRESTLING… 😉

  3. Fernando

    18 maggio 2011 at 13:35

    Quando la Williams creò un meraviglioso ed affidabilissimo impianto di sospensioni attive (o intelligenti che dir si vogliano) furono messe al bando per motivi di costi e sicurezza (scusate il termine di buon siciliano: minchiate!).
    Quando la Renault tirò fuori un’idea vecchia di 50 anni (il mass dumper, già usato sulle 2C Citroen), accortisi che nessuno lo sapeva mettere a punto, fu bandito per strani motivi di sicurezza (la Ferrari lo usava nel muso, la Renault lo stava mettendo dentro la scocca…).
    Quando la Honda con 125 litri di benzina fece un V6 turbo inarrivabile si chiamarono in causa motivi di ordine superiore e si tornò all’aspirato…
    Oogni volta che qualcuno ha una genialità la si ritiene irregolare???? E si devono aspettare 2 anni?????
    Allora facciamo direttamente la GP1, diamo l’appalto all’ingegner Dallara per la macchina ed alla Mecachrome per il motore, alla Pirelli i pneumatici e freni Brembo… e siamo tutti felici e contenti, mandando Newey e soci a casa!
    Federazione di buffoni…

  4. Gianluca RB

    18 maggio 2011 at 13:49

    da tifoso red bull, più che i bastoni tra le ruote penso che la FIA che è sempre stata contro gli eccessivi inquinamenti si sia messa contro queste mappature motori che consumano gas costantemente anche quando non si accelleri.. loro sono sempre stati (a favore dell’ambiente) penso che centri poco
    la cosa che però è rivedibile.. e che facciano queste mezze regole nel bel mezzo di un campionato.. e qst non mi sta bene

  5. luca bacci(tifoso ferrari e schumacher)

    18 maggio 2011 at 14:31

    magari hanno semplicemente fatto notare che quell’espediente va contro il regolamento, se tutti i top team lo usano non penso che siano così fessi da fregarsi da soli, la cosa probabilmente era al limite hanno deciso che non si può fare e non la si fa. rimane che togliendo questa cosa le altre macchina rimarrando ferme in pista mentre la red bull rallenterà ma meno delle rivali secondo me aumentando di fatto il proprio vantaggio. Non penso sia una regola contro la Red Bull

  6. Enzo ( Siderno)

    18 maggio 2011 at 14:59

    fate tutti i saputi sulle norme e regole della f1, ma le corse di gran turismo nn vi hanno insegnato nulla . La Maserati stravinceva ovunque nel FIA GT e ad oqgni gara veniva zavorrata x frenarne la corsa. Ma era tutto inutile nn c’èra concorrenza che teneva :
    Aston Martin, Corvette, Lamborghini, Nissan………. nn c’è nera x nessuno il mtore
    Maserati ( Ferrari ) era ineguaglibile.

  7. FLYBUBY

    18 maggio 2011 at 16:04

    Secondo il mio modestissimo parere ritengo che la superiorità redbull non sia tutta imputabile agli scarichi soffiati, bensì al suo assetto “rake” picchiato e alle sue sospensioni “magiche”….mi spiego: per me le sospensioni posteriori si abbasserebbero in rettilineo grazie al massimo carico che riceve l’ala posteriore alla massima velocità,facendo passare la macchina da un assetto picchiato con piu carico a un assetto meno picchiato con meno carico simulando piu o meno un’ala d’aereo che stalla……certo bisognerebbe calibrare le sospensioni posteriori molto bene per farle stallare….ma vi siete accorti in prova le red bull usano particolari puntoni posteriori con una spece di manicotto montato su di essi????????…..a mio modestissimo parere ehh!!!!

  8. KKK75

    18 maggio 2011 at 16:08

    penso che la federazione abbia le idee piuttosto confuse, perche per poter partecipare ai gp le macchine devono essere verificate prima, cio vuol dire che la red bull era conforme, perche ora non piu’?..non va bene e lo dico da innamorato della FERRARI. sembra cio che e’ successo con la brown gp(mondiale scandalo poiche’ cio che era stato vietato agli altri a loro no). insomma la confusione regna sovrana.

  9. Andrea Gardenal

    18 maggio 2011 at 16:25

    Penso che il reale interesse FIA sia quello di dichiarare illegale Adrian Newey, quel cattivone che uccide il mondiale solo perchè fa ciò per cui viene pagato

  10. r.strauss

    18 maggio 2011 at 16:52

    sono d’accordo con il fatto che questo è l’ennesimo tentativo di intralciare la RB per evitare che ammazzi il campionato … ma il regolamento DEVE essere blindato dall’inizio della stagione fino alla fine … eventualmente lo si cambia per la stagione successiva.

    La FIA non ha mai avuto le idee chiare basta vedere lecose ridicole che ha introdotto negli ultimi 5/6 anni e non vedo nemmeno margini di miglioramento in un ente che purtroppo è arrivato alla frutta ed è alla mercè di Ecclestone.

    Se la RB è riuscita a fare meglio gli scarichi, onore a loro ed è giusto che vincano il mondiale, anche se rischiamo di finire prima di ferragosto.
    Successe anche con la Ferrari e nonostante io sia da sempre ferrarista, quell’anno i GP da settembre in poi non erano così interessanti, in quanto mancava la lotta, i team avevano già abbandonato la macchina per quella dell’anno successivo e si correva solo per gli sponsor.

    che barzelletta !

  11. sergio(tifoso Mc Laren)

    18 maggio 2011 at 18:30

    in ogni caso la scuderia che si trovera molto piu’ in difficolta sara’ aime’la mc laren.avevanorisolto in parte i problemi di un inverno difficile e ora si trovera costretta a rivedere il progetto.
    Cosa ne pensate?

  12. sergio(tifoso Mc Laren)

    18 maggio 2011 at 18:30

    e se invece reinseriscono l’octopus?

  13. Francesco

    18 maggio 2011 at 18:35

    credo che oggi quello che è sempre più richiesto ai progettisti sia trovare il buco nel regolamento che permetta di trovare quella giusta idea o “furbata” per avere la possibilità di fare quel qualcosa in più rispetto agli altri progettisti, costruttori e team, per aver modo di arrivare primi.
    è vero, è quello per cui sono pagati, ma oggi è newey, ieri brawn, e chissà domani… e intanto gli altri stanno a guardare e a rincorrere: tanto di cappello, per certi aspetti onore al merito di aver trovato la soluzione, l’uovo di colombo o il modo di aggirare le norme del regolamento, tanto più che, se per poter copiare la stessa idea è necessario rivoluzionare il progetto delle altre vetture ed è quindi impensabile in termini di tempo necessario in una stagione, ecco che si pensa subito all’anno prossimo e noi dobbiamo sorbirci i mondiali in stile BrawnGP o RB, ecc…
    a questo punto verrebbe da chiedersi come sono svolte ed effettuate le verifiche di collaudo, anche se penso siano effettuate singolarmente per ogni team, altrimenti non si spiega il riserbo di alcuni team a far trapelare notizie ed altro sulla propria vettura se non prima della presentazione ufficiale…
    è anche ovvio che nessuno vorrebbe un mondiale di F1 tipo monomarca, ma vista la stagnante impossibilità da parte della federazione di creare un regolamento che venga rispettato da tutti, e qui non si tratta di scoprire chi è il più furbo ad aggirare le regole, sarebbe auspicabile o un maggior blindatura del regolamento e non che ognuno lo interpretasse a proprio uso e consumo…
    quello che dimentichiamo troppo spesso e che non siamo più in presenza di uno sport, se ancora così vogliamo chiamarlo, fine a se stesso: gli interessi economici di tutto il circus della F1 raggiungono cifre inimmaginabili, con tutti i risvolti a volte palesi ma soprattutto il più delle volte non evidenti ai più, e che per fare in modo che questo avvenga l’interesse da parte dei tifosi deve essere considerato una priorità.
    quindi, uno Schumacher che vince 5 anni di fila il mondiale di F1 con la ferrari, ammazza l’audience, ammazza lo spettacolo (per i non ferraristi, ovviamente), ammazza l’interesse, e ammazza i guadagni, e questo Ecclestone & co lo sanno e si guardano bene dal che ciò accada…
    ripeto, qui non si tratta di chi è più furbo ad interpretare i regolamenti o a trovare scorciatoie per aggirare le norme o peggio, a usare le lacune del regolamento per essere più bravi: dobbiamo decidere se la F1 è o non è uno sport? certo, anche se gli interessi economici raggiungono cifre con decine di zeri, anche se de coubertin disse che l’importante è partecipare e nella F1 attuale ciò non è permesso, almeno bisognerebbe che tutti nel circus dall’ultimo al primo, usassero quanto meno l’onestà di mettersi a disposizione con un minimo di rispetto del lavoro e della fatica altrui… in una parola: impossibile!!!
    di certo una cosa, con tutte le vetture standard e pressoché uguali tra loro, allora forse vedremmo veramente un campionato del mondo piloti, ovvero un mondiale di F1 dove vince il migliore dei piloti e non il pilota del team con la vettura più performante o più “furba” (passatemi il termine) per aver rispettato o meno le norme dei regolamenti, un mondiale dove piloti come senna, villeneuve, lauda, prost, schumacher, ecc… e tutti gli altri che hanno fatto la storia di questo meraviglioso spettacolo siano veramente applauditi e ammirati per quello che sono, dei veri eroi…

  14. Frenk

    18 maggio 2011 at 21:51

    “Una direttiva della FIA (Technical Directive 15) ha chiarito che è permesso utilizzare i settaggi dell’acceleratore solo per incrementare la coppia, e non per migliorare le prestazioni aerodinamiche. Una misura che di fatto ha messo al bando il soffiaggio dei gas di scarico nel diffusore senza la pressione dell’acceleratore.”

    Ora,se l’articolo 15 del tecnical directive esiste lo scandalo sarebbe non che si sta vietando ora, ma che non sia stato vietato dall’inizio del campionato!
    Anche perchè se lo si vieta ora si penalizza non la Rbr,che comunque ne ha tratto benefici finora,bensì quei team che vedono vanificati gli investimenti e gli sforzi fatti per inseguirla…
    Ma tutti quelli che si sono fatti le seghe mentali hanno fatto questo tipo di valutazione?

  15. Summit

    19 maggio 2011 at 00:07

    A questo punto vine da dire “onore alla Renault” piuttosto che a Newey.

  16. olivetis (tifoso Pit Babes)

    19 maggio 2011 at 07:18

    vedrete che accadranno eventi (causati e non casuali) che freneranno Vettel. E’ assolutamente antisportivo! E lo dico da Ferrarista.

  17. DMB

    19 maggio 2011 at 08:51

    bè..
    solo una cosa…

  18. DMB

    19 maggio 2011 at 08:54

    bè..
    solo una cosa… LA ” FIA ” FA PARTE DEL GIOCO…
    è da considerarsi un avversario .



You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati